I medici vogliono mettere fine alla vita della piccola Tafida Raqeeb, 5 anni

CitizenGO torna in campo — Dopo Charlie Gard e Alfie Evans, un altro caso drammatico in Inghilterra: i medici vogliono mettere fine alla vita della piccola Tafida Raqeeb, 5 anni, contro il volere dei genitori che chiedono di portarla in Italia per essere assistita all’Ospedale Gaslini di Genova. Lunedì 9 settembre l’Alta Corte di Londra deciderà se Tafida dovrà morire o se potrà venire in Italia: ecco cosa farà CitizenGO nei prossimi giorni


fino allo scorso febbraio la piccola Tafida Raqeeb, bimba inglese di 5 anni, era perfettamente in salute. Sei mesi fa è caduta in stato di incoscienza a seguito di un’emorragia cerebrale e conseguente arresto respiratorio e cardiaco, causato da un’anomalia non diagnosticata ma curabile.

Ai genitori fu detto di prepararsi al peggio. Eppure, la piccola sopravvisse a un delicatissimo intervento chirurgico al cervello. Da quel momento, il team medico responsabile di Tafida è sembrato quasi impaziente di porre fine alla sua vita, decidendo di staccare il supporto vitale che aiuta la piccola a respirare. I dottori hanno affermato che morire è nel suo “miglior interesse”!

I suoi genitori, Shelina e Mohammed, non si arrendono a questa terribile minaccia e fanno di tutto per portare loro figlia in Italia, dove il team medico dell’Ospedale pediatrico G. Gaslini di Genova si è già detto disponibile a prendersi cura di Tafida.

C’è una grande speranza per Tafida… ma da lunedì 9 settembre – DOMANI! – sarà l’Alta Corte del Regno Unito a decidere se i suoi genitori possono portarla in Italia o se, al contrario, la ‘condanna a morte’ emessa dal Royal London Hospital deve essere eseguita, e Tafida sarà lasciata morire per soffocamento.

Mancano pochi giorni: Tafida e la sua famiglia ora hanno bisogno del nostro aiuto concreto.

— CitizenGO ha deciso di farsi carico di una parte importante delle spese legali e mediche che sta affrontando la famiglia Raqeeb, continuando anche a mettere in campo azioni concrete per sensibilizzare la società (politica e media) e fare pressione sull’Alta Corte con la nostra campagna globale che ha già raccolto oltre 205,000 firme in tutto il mondo.

Il nostro obiettivo è che Tafida possa venire in Italia e la sua famiglia possa continuare ad amarla e assisterla. Non vogliamo un altro caso Charlie Gard o Alfie Evans. Basta infanticidi in Inghilterra.

Per favore — sostieni anche tu la colletta di CitizenGO per la famiglia di Tafida

Tafida viene descritto come “malata terminale” dall’Ospedale e da tutti i principali media, ma non è così! Questa bambina ha avuto un’emorragia cerebrale critica a seguito della rottura di alcuni vasi senguigni aggrovigliati: un problema non permanente al termine della crisi.

Un neurochirurgo specialista consultato dalla famiglia ha affermato che ciò di cui Tafida ha assoluto bisogno ora è il tempo, poiché potrebbe essere necessario fino a un anno per ristabilire alcune delle connessioni cerebrali danneggiate. Si spera che con il trattamento corretto Tafida possa essere spostata su una sedia, per essere poi sottoposta a una specifica terapia riabilitativa.

OGGI inizia presso l’Alta Corte di Londra un’audizione di cinque giorni per decidere se rilasciare Tafida per il trattamento o se porre fine alla sua vita staccandole il ventilatore che l’aiuta a respirare. In tal caso, Tafida morirà per soffocamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *