Milano, M5 Stelle in mano alle lobby

Milano, M5 Stelle in mano alle lobby
Gianroberto Casaleggio
chesini garden
chesini garden
chesini garden

"Abbiamo scoperto che la Casaleggio Associati ha ricevuto dalla Philip Morris moltissimi soldi"  un affermazione bomba quella di Piero Sansonetti , direttore de Il Riformista, con la quale annuncia una video inchiesta che svela la reale causa dei problemi interni a casa grillina.

Quindi non fattori di correnti ideologiche ma veri e proprio conflitti di interessi interni al Movimento 5 Stelle.

Sansonetti continua con dovizia di informazioni raccontanto che sono stati trovati 2milioni di euro nelle casse della Casaleggio e Associati esattamente nel periodo in cui il movimento è andato al comando del paese. Contestualmente i grillini al Governo hanno abbassato le tasse per l'acquisto delle sigarette elettroniche. Ricordiamo che Philip Morris è anche proprietaria del marchio IQOS leader indiscusso sul mercato del nuovo modo di fumare.

Contestaualmente alle scelte governative, Casaleggio e C. incassava incassava mensilmente quote ingenti di consulenze, sino appunto ad arrivare ai 2milioni di euro trovati.

A questo punto il collega Sansonetti pone due quesiti di rilievo:

"C'è finanziamento illecito ai partiti?" "C'è corruzione"

Sicuramente possiamo dire che il motto alla base del movimento grillino sul finanziamento ai partiti,  baluardo della loro dichiarata onestà  con tanto di assegni sventolati a decurtazione degli emolumenti di onorevoli e sanatori è letteralmente andato in fumo