Bologna, gang dei pakistani bloccata, facevano video su TikTok

identificati analizzando un video pubblicato su TikTok

Bologna, gang dei pakistani bloccata, facevano video su TikTok
chesini garden
chesini garden
chesini garden

Durante le perquisizioni domiciliari i poliziotti hanno sequestrato una pistola giocattolo, un tirapugni, un coltello e diversi cellulari dai quali gli agenti hanno rilevato elementi d’interesse per lo sviluppo delle indagini.

L’attività investigativa, svolta con metodi tradizionali ma soprattutto sulle piattaforme social, ha permesso di individuare i responsabili delle violenze, identificati analizzando un video pubblicato su TikTok. Nelle immagini si vedevano alcuni degli indagati esultanti in auto con la scritta sovrimpressa “Ak-47-gang” “Italy-bologna”. L’indicazione “AK47” che corrisponde alla sigla di un fucile automatico, è stata determinante per arrivare ai profili di tutti coloro che facevano parte del gruppo; le foto acquisite dalle varie identità virtuali sono risultate compatibili con i caratteri fisionomici delle descrizioni fatte dai testimoni e dalle vittime. Alcuni di essi, poi, si erano fatti tatuare sull’avambraccio proprio il fucile automatico AK 47