Bologna. Manifestazione Nazionale di Rete Studentesca ed altre realtà

Tutti uniti e coesi in piazza a manifestare a Bologna il 1° Maggio, il Movimento nazionale, Rete Studentesca, Casapound, Fiamma tricolore, Militia Christi.

Bologna. Manifestazione Nazionale di Rete Studentesca ed altre realtà
chesini garden
chesini garden
chesini garden

Bologna. Manifestazione Nazionale di "Patrioti e lavoratori" 

Bologna 3 Maggio, due giorni fa in concomitanza con la Festa dei Lavoratori del 1° Maggio, c'è stata la Manifestazione Nazionale di "Patrioti e lavoratori", alla quale hanno aderito anche il Movimento nazionale, Rete Studentesca, Casapound, Fiamma tricolore, Militia Christi e altre realtà.

Sul palco è intervenuto il Bustese Toniolo Alessio, di 19 anni, fondatore e responsabile nazionale di Rete Studentesca che ha evidenziato i problemi tangibili, che caratterizzano la situazione attuale in cui versa il nostro Paese.

Alessio Toniolo esordisce così : "Da ben prima dell'arrivo della pandemia siamo stati costretti ad andare a scuola con i buchi nel soffitto, ma con inutili mezzi tecnologici, Lim di ultimo modello e adesso con i "magici" banchi a rotelle.

Un controsenso allo stato puro, il trionfo del capitalismo che altro non può fare se non nuocere agli studenti".

Inoltre aggiunge : "La scuola odierna vive dietro un computer, ma noi lo sappiamo bene: questa non è scuola!

La DAD non ha funzionato, la scuola è diventata un surrogato, l'ennesima finta maturità ne è la lampante dimostrazione, gli studenti vogliono imparare e avere certezza nel futuro

Rete Studentesca è sempre stata contro chi vuole marcire sul divano, a "guardare" le lezioni da dietro uno schermo!"

Gli studenti sono stati capaci di scendere in piazza, insieme ad altri Movimenti, tutti uniti senza divisioni ideologiche, per rivendicare il loro diritto allo studio, che a causa di una serie di fattori è stato omesso, e sostituito con bieche soluzioni che con lo studio non c'entrano nulla.