Reati perseguiti, scende in campo la Polizia Locale con l’appoggio e la collaborazione della Prefettura di Milano

Barbara Benedettelli:” Mi complimento con il Comando di Polizia Locale, il cui lavoro silenzioso di controllo effettuato sul territorio cittadino“.

E aggiunge pure : “è di fondamentale importanza per i reati di maggiore allarme sociale. Laddove si rimane vittime di reati ci si può sentire abbandonati, è comprensibile ma non è così.

Dunque, occorre far emergere azioni come questa, che sono una prassi consolidata per i nostri Agenti. Sono diversi i fronti sui quali stanno lavorando con queste modalità.

ll Sindaco Raffaele Cucchi commenta sui reati perseguiti:

 Il lavoro costante e instancabile del nostro Comando è spesso invisibile, ma presente quotidianamente per la sicurezza di tutti.”

I fatti accaduti

Gli Agenti del Comando di Polizia Locale hanno individuato un’auto sospetta, già segnalata alle forze dell’ordine vicino alla scuola Rancilio, a Villastanza.

L’intervento della PL

Gli agenti notano e fermano tre persone in possesso, ingiustificato, di arnesi da scasso e atti a offendere:

Sono una donna e due uomini, uno dei quali alla guida dell’auto e risultato essere clandestino.

Nella loro auto  coltelli, una parrucca e un tronchesino, strumenti di “lavoro” e pure per intimorire le possibili vittime.

Risultato dell’operazione

I tre sono stati denunciati e ora, le indagini in corso, stabiliranno se si tratta delle stesse persone autrici e responsabili di altri furti, o tentativi di furti.

Condividi sui social