Diritto di culto e moschee

Tirana, la moschea costruita dai turchi

Tirana, la nuova moschea, “che avrà quattro minareti, permetterà a 4.500 fedeli di pregare contemporaneamente”, come ha spiegato Palakoglu, nel 2014

Tirana, perchè sono intervenuti i turchi nella costruzione? La spiegazione l’ha fornita la
Direzione affari religiosi (Diyanet) di Ankara, massima autorità in materia di questioni religiose.

La Direzione che risponde all’ufficio del primo ministro. Ismail Palakoglu, direttore della Diyanet

Palakoglu ha spiegato che oggi Tirana ha una sola moschea ufficiale, in grado di ospitare non più di 60 persone contemporaneamente

E nonostante il 70% dei 300.000 residenti della città albanese sia di fede musulmana.

La costruzione è dovuta alle lamentele dei musulmani
Sono due le cattedrali sono state costruite (una per i cattolici e una per gli ortodossi), per i musulmani invece, la moschea è una per 60 fedeli soltanto.

Il 55% degli abitanti è di fede musulmana, ed è per questo che il governo si è impegnato:

Nel 1992 l’allora presidente Sali Berisha pose la prima pietra di quella che avrebbe dovuto essere una moschea costruita nei pressi di piazza Namazgja

Il progetto non andò in porto per l’opposizione di Pjetër Arbnori, politico di area cattolica[2].

La decisione di costruire la moschea, infine, venne presa dal sindaco Edi Rama, nel 2010.

La moschea è sicuramente tra le opere dell’uomo più visitate

Condividi sui social