Donna incinta muore di coronavirus a Bruxelles

Il decesso è stato confermato dal Cocom Hygiene Inspection Service (Commissione comunitaria comune) a Bruxelles

Donna incinta muore di coronavirus a Bruxelles
chesini garden
chesini garden
chesini garden

Donna incinta muore di coronavirus a Bruxelles

Una donna incinta ricoverata in terapia intensiva in un ospedale di Bruxelles è morta di Covid-19.  Il decesso è stato confermato dal Cocom Hygiene Inspection Service (Commissione comunitaria comune) a Bruxelles, che non aveva dettagli sulla situazione personale della donna. Il giorno e il luogo esatti della morte non sono stati specificati. Due settimane fa, dieci donne incinte colpite dal coronavirus erano in terapia intensiva in diversi ospedali della capitale. Le donne incinte si sono recentemente aggiunte alla lista delle persone prioritarie per la vaccinazione. Lo ha ricordato martedì durante la conferenza stampa sul coronavirus Sabine Stordeur, della task force vaccinazioni. I maggiori rischi durante la gravidanza sono già noti a livello internazionale, ha commentato il portavoce interfederale Steven Van Gucht, che non era stato a conoscenza di un caso del genere prima in Belgio. Aumenta anche il rischio di parto prematuro. Rispetto alle donne della stessa età che non sono in attesa di figli, le donne incinte hanno un rischio maggiore di ospedalizzazione, ricovero in terapia intensiva, supporto vitale e persino morte, secondo il virologo. I rischi di ricovero e morte di una donna incinta, invece, restano inferiori rispetto agli anziani o a chi soffre di patologie sottostanti. Tutte le donne incinte dovrebbero essere vaccinate come priorità, secondo il Consiglio Superiore della Salute. Il CSS belga (Consiglio Superiore della Sanità) consiglia alle donne incinte di essere vaccinate. "Raccomandiamo vivamente che le donne incinte vengano vaccinate il prima possibile durante la gravidanza", insiste Van Gucht. “Il vaccino non rappresenta alcun rischio se vuoi una gravidanza o se stai allattando”, aggiunge lo specialista. Le donne incinte possono iscriversi in lista d'attesa a partire da martedì 4 maggio tramite il proprio medico di base (o un medico di base di loro scelta, un ginecologo non essendo in grado di farlo). Avranno quindi la priorità per la loro prima dose di vaccino contro il coronavirus. È meglio somministrare il vaccino già dal sesto mese di gravidanza. Il bambino viene quindi protetto alla nascita dagli anticorpi contro il Covid-19. Ci sono abbastanza vaccini disponibili in Belgio per dare la priorità alle donne incinte, secondo la task force sulla vaccinazione. Si stima che ciò riguarderà 300 future mamme per centro di vaccinazione, o circa 3.000 donne nella regione di Bruxelles. “Per ragioni etiche, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, le donne incinte non sono state incluse negli studi clinici. I dati attualmente disponibili sono quindi limitati per questo gruppo. Tuttavia, negli Stati Uniti, dove la vaccinazione è in anticipo rispetto all'Europa, quasi 87.000 donne hanno dichiarato di essere incinte al momento della vaccinazione e fino ad oggi non sono stati segnalati problemi di sicurezza", ha riferito martedì la signora Stordeur, della task force sulla vaccinazione. La vaccinazione non ha alcun impatto sulla fertilità delle donne o su quella degli uomini, ha anche rassicurato.