Algeria

Algeria: tensioni per l’alleanza con Russia e Iran per il Sahel

Analisi del think tank spagnolo “Instituto Coordinadas de Gobernanza y de Economia Aplicada”

Cresce la preoccupazione di Unione Europea e Stati Uniti per il rapporto sempre più stretto tra Algeria, Russia e Iran. Diversi rapporti dell’UE e informazioni giornalistiche di media come la CNN o Le Monde indicano che l’intenzione del regime algerino è di facilitare l’installazione di basi militari russe nel Sahel con l’aiuto dell’Iran.

Il regime algerino riceverebbe dall’Iran un’importante fornitura di droni, che andrebbero direttamente alle milizie armate del Fronte Polisario. Si tratta di un gruppo che ha l’appoggio delle autorità algerine, nella sua lotta contro il Marocco.

L’Iran, che fa qualcosa di simile rifornendo il gruppo terroristico Hezbollah, intende stabilire la branca più radicale del suo islamismo nel Sahel. Ma anche nel Sahara, necessitando del sostegno del sistema militare algerino.

Le Monde ha pubblicato che il governo algerino avrebbe permesso al gruppo di mercenari Wagner (che attualmente combatte in Ucraina agli ordini di Putin) di entrare nel Sahel per raggiungere il Mali.

Questa presenza ha portato alla partenza della Francia dal Paese africano ed è stato un duro colpo per la coalizione guidata dagli Stati Uniti per porre fine al terrorismo nell’area.

Il governo algerino è diventato un fermo alleato della Russia e si stima che comprerà armi per un valore di 10 miliardi di dollari all’anno, che finanzierebbe la guerra di Putin contro l’Ucraina. Per l’anno 2023, l’Algeria prevede di stanziare 23.000 milioni di dollari per l’acquisto di armi, di cui più della metà sarebbero russe.

Nel settembre 2022, gli Stati Uniti hanno già espresso la loro preoccupazione per il finanziamento da parte dell’Algeria della guerra della Russia contro l’Ucraina. Per questo hanno chiesto l’applicazione di sanzioni contro il Paese.

L’alleanza militare si è palesata in tempi recenti con le manovre congiunte, prevalentemente marittime, effettuate tra i due Paesi del Mediterraneo. Algeri ha messo a disposizione della Russia i suoi porti e le sue navi. Ha inoltre partecipato ad altre esercitazioni militari effettuate da entrambi i paesi in passato, sia nel Caucaso che in Siberia, oltre che in Nord Africa.

Jesús Sánchez Lambás, vicepresidente del Coordinates Institute for Governance and Applied Economics, sottolinea che le informazioni disponibili ci consentono di prevedere un doppio scenario di instabilità. Cosa che consente alla Russia di stringere un freno all’Unione europea: l’Ucraina nel nord e il Sahara nel Mezzogiorno, aggravando la crisi dell’approvvigionamento energetico.

Mentre il dramma umanitario del Nord concentra tutta l’attenzione politica e mediatica di USA e UE, la situazione del Sud è percepita. Come qualcosa di lontano e culturalmente estraneo all’Occidente. Una falsa sicurezza, di un problema sociale, politico e militare che prima o poi ci verrà incontro. Le potenze occidentali devono anticipare il prevedibile disastro rafforzando i rapporti con i pochi partner affidabili dell’area, come il Marocco. Comincia ad essere tardi.

 

Condividi sui social