Arabia Saudita

Arabia Saudita punta sulla promozione dell’efficienza energetica

Nasser Al-Ghamdi, amministratore delegato del Saudi Energy Efficiency Center, parla in un forum a Riyadh in Arabia Saudita

Il nascente settore dell’efficienza energetica dell’Arabia Saudita ha registrato una crescita notevole, con il numero di fornitori di servizi autorizzati che raggiungerà i 55 entro la fine del 2023.

Mentre l’Arabia Saudita si impegna a ridurre la propria produzione di carbonio, con obiettivi recentemente ampliati per raggiungere l’obiettivo zero entro il 2060, il Centro saudita per l’efficienza energetica sta lavorando per aiutare la nazione a realizzare queste ambizioni, ha osservato Nasser Al-Ghamdi, amministratore delegato del centro.

Nel suo discorso inaugurale al forum ESCO in Arabia Saudita, il massimo dirigente ha sottolineato il ruolo dell’entità nella sensibilizzazione sull’efficienza energetica. Ha sottolineato che 26 università a livello nazionale hanno adottato argomenti e corsi sull’efficienza energetica nei loro programmi di studio.

“Fin dall’apertura del centro, abbiamo lanciato varie iniziative che aiuteranno a ridurre il consumo energetico”, ha affermato Al-Ghamdi.

Tra queste iniziative, l’organismo è riuscito a lanciare e implementare più di 200 programmi di formazione nel campo dell’efficienza energetica, ha aggiunto il CEO.

Il dirigente ha sottolineato che il centro ha cercato di creare l’ecosistema necessario per i fornitori e i loro beneficiari in questo “mercato promettente” per garantire la qualità dei fornitori di servizi di efficienza energetica.

Lui ha aggiunto che questo sarà raggiunto attraverso l’applicazione di un sistema di licenze per coloro che sono interessati ad investire in questo campo dopo aver soddisfatto i requisiti tecnici necessari per fornire il servizio.

Sottolineando il ruolo che il nascente settore sta svolgendo nel raggiungimento degli obiettivi di zero emissioni nette, l’amministratore delegato ha affermato: “Il settore, considerato relativamente nuovo, sta aiutando le aziende e gli edifici a trovare soluzioni per utilizzare in modo efficiente l’energia, compresi il finanziamento e la gestione di soluzioni e progetti. Queste aziende contribuiscono anche all’analisi del consumo energetico e alla conoscenza delle opportunità per le aziende di migliorare i propri consumi”.

A causa dell’assenza di attività di efficienza energetica nel settore commerciale, uno dei più alti consumatori di energia del Regno, che rappresenta il 15,7% del consumo totale delle strutture nella nazione, l’ente ha lanciato un progetto pilota per migliorare questo campo.

L’iniziativa mira a migliorare le condizioni nel settore commerciale sensibilizzando gli imprenditori sulle opportunità, poiché si prevede che l’attuazione di progetti di audit energetico migliorerà l’efficienza complessiva.

Condividi sui social