Arabia Saudita

Arabia Saudita: Reema protesta per no a torneo tennis a Riad

L’ambasciatore del Regno negli Stati Uniti critica le leggende del tennis Martina Navratilova e Chris Evert che chiedono il divieto di svolgere un torneo di tennis femminile in Arabia Saudita

La principessa Reema bint Bandar, ambasciatrice dell’Arabia Saudita negli Stati Uniti, ha respinto le richieste delle leggende del tennis Chris Evert e Martina Navratilova di vietare lo svolgimento delle finali della Women’s Tennis Association in Arabia Saudita.

I commenti della principessa Reema in una nota arrivano sulla scia di un articolo scritto da Evert e Navratilova e pubblicato sul Washington Post il 26 gennaio. I due sostengono che il Regno non ha parità di genere e non dovrebbe ricevere il premio evento di fine stagione.

La principessa Reema ha scritto: “Lo sport non dovrebbe essere sfruttato come strumento per promuovere pregiudizi, programmi personali o per penalizzare una società desiderosa di abbracciare il tennis e contribuire alla sua crescita”. Ha aggiunto: “Non riconoscere i grandi progressi che le donne hanno fatto in Arabia Saudita denigra il nostro straordinario viaggio”.

“Come molte donne in tutto il mondo, abbiamo guardato alle leggende del tennis come pioniere e modelli di comportamento… barlumi di speranza che le donne possano davvero raggiungere tutto. Ma questi campioni hanno voltato le spalle proprio alle stesse donne che hanno ispirato ed è più che deludente”, ha detto.

Le donne in Arabia Saudita ora hanno opportunità in settori tradizionalmente dominati dagli uomini, come l’esercito, i vigili del fuoco, le forze dell’ordine e persino l’esplorazione spaziale, ha affermato la principessa Reema.

Ha respinto l’argomentazione di Evert e Navratilova secondo cui le donne non sono uguali nella società dell’Arabia Saudita. “Su questo, lasciatemi semplicemente dire: chiarite i fatti. Ciò che viene spesso definito “tutela” non descrive più lo status delle donne saudite oggi. Le donne non hanno bisogno dell’approvazione di un tutore per viaggiare, lavorare o essere capofamiglia”.

Ha aggiunto: Oggi, le donne saudite possiedono più di 300.000 imprese e circa il 25% delle start-up di piccole e medie dimensioni, che è circa la stessa percentuale degli Stati Uniti. Le donne in Arabia Saudita ora godono della parità di retribuzione, aprendo la strada verso qualcosa che dovrebbe essere universale”.

La principessa Reema ha inoltre affermato: “Anche se c’è ancora del lavoro da fare, i recenti progressi per le donne, l’impegno delle donne sul posto di lavoro e le opportunità sociali e culturali create per le donne sono davvero profondi e non dovrebbero essere trascurati”.

La principessa Reema ha affermato che il Regno conta oltre 330.000 atlete iscritte, di cui 14.000 partecipano attivamente al tennis. Migliaia di donne prestano servizio come allenatrici, mentori, arbitri e medici sportivi a vario titolo.

La principessa Reema ha sottolineato che ritrarre le donne dell’Arabia Saudita come vittime senza voce non solo mina i loro progressi nello sport, ma sminuisce anche i più ampi progressi compiuti dalle donne nel paese.

L’ambasciatore ha respinto le affermazioni secondo cui le leggi sulla tutela nel Regno limitano la libertà delle donne, aggiungendo che tali regole non sono più in vigore.

Ha respinto le affermazioni secondo cui la legge saudita considera le donne come proprietà, sollecitando la necessità di informazioni accurate.

Evidenziando i risultati di atleti come Yasmeen AlDabbagh, Tahani AlQahtani e Yara AlHogbani, l’ambasciatore ha sottolineato il loro contributo nel sfidare la percezione dei diritti delle donne in Arabia Saudita.

La principessa Reema ha chiesto un sano dibattito sul progresso delle donne e ha sollecitato un dialogo inclusivo per evitare pregiudizi.

Ha espresso la volontà di accogliere prospettive diverse e ha sottolineato l’importanza di promuovere un dialogo produttivo per la causa comune di promuovere le opportunità delle donne a livello globale.

 

 

Condividi sui social