Sahara

Sahara: Dialogo e compromesso la soluzione a conferenza Dakar

Sono queste le parole chiave dei relatori della seconda conferenza internazionale del Movimento Saharawi per la pace

Nel 1975, la Spagna si ritirò dal Sahara “cedendo il territorio al Marocco” e qualificando “i Saharawi come popolazione dispersa e non come popolo costituito”. Lo ha sottolineato l’ex presidente del Congresso ed ex ministro della Difesa spagnolo, José Bono questo venerdì 27 ottobre a Dakar.

In un intervento di apertura della 2a Conferenza Internazionale per il Dialogo e la Pace organizzata dal Movimento Saharawi per la Pace (MSP) presso il Centro Internazionale del Commercio Estero del Senegal (CICES), José Bono ha ricordato inoltre che durante la sua visita nelle province del sud del Marocco, ha potuto constatare che “il Sahara non è un territorio occupato”, perché non vedeva “militarizzazione né oppressione delle popolazioni”.

Parlando dello status quo, Bono ritiene che esso possa sbloccare la situazione e porre fine alle sofferenze dei Saharawi, aggiungendo che “il Marocco vuole un Sahara autonomo sotto la sua sovranità. Un Sahara che fa parte del suo territorio come le altre regioni marocchine” e “il Polisario voleva uno Stato indipendente”, ma “nessuno di loro è riuscito a raggiungere il suo obiettivo”.

Per l’ex leader spagnolo “il vero obiettivo è porre fine alle sofferenze del popolo sahrawi” ed è ciò che propone il Marocco attraverso il piano di autonomia del Sahara presentato nel 2007 e che è stato qualificato, ha ricordato, “dalla Consiglio di Sicurezza dell’ONU come serio e realistico”.

Ha inoltre avvertito che “la creazione di uno Stato nel Sahara è una minaccia per la pace e la sicurezza della regione”, incoraggiando le personalità presenti a Dakar, “a sostenere l’iniziativa del MSP che aspira ad una soluzione pacifica del conflitto ”.

Nei loro interventi sono intervenuti gli altri relatori, in questo caso l’ex presidente del governo spagnolo, Rodríguez Zapatero, l’ex presidente del Burundi, Dominitien Ndayizeye, l’ex ministro della Giustizia spagnolo e attuale deputato del PSOE, Juan Fernando Aguilar, l’ex ministro degli Esteri peruviano Affairs, Miguel Angel Rodriguez Mackay e il politologo argentino Adalberto Carlos Agozino hanno accolto con favore l’approccio del Movimento per la Pace Saharawi e i suoi sforzi per portare ad una soluzione del conflitto attorno al Sahara marocchino sulla base del dialogo e dei negoziati tra le diverse parti per il conflitto, vale a dire Marocco, Algeria, Mauritania e Polisario.

Per l’ex ministro della Giustizia spagnolo, Juan Fernando Aguilar, “si tratta di rompere questo letargo che, dopo cinquant’anni, è diventato insopportabile, causando la sofferenza dei sahrawi dispersi, sfollati, perfino confinati nei campi di Tindouf da troppo tempo lungo.”

Da parte sua, l’ex ministro peruviano Rodriguez Mackay ha sottolineato che “la pace è una condizione non negoziabile per garantire la stabilità, e non semplicemente un sogno”, invitando “i Saharawi delle province del sud e quelli dei campi di Tindouf a lavorare insieme con serietà e determinazione per raggiungere una pace duratura”.

Da parte sua, anche il politologo argentino Adalberto Carlos Agozino ha accolto con favore gli sforzi compiuti dal MSP “a favore della pace e dei negoziati tra tutte le parti in conflitto con la proposta di autonomia presentata dal Regno come base per i negoziati e del Marocco come soluzione che consente alla popolazione locale del Sahara di gestire i propri affari.

L’intransigenza del Polisario, ha osservato, “non fa altro che aggravare la situazione umanitaria nei campi di Tindouf e priva i Saharawi di ritornare in patria e di vivere normalmente e di beneficiare del benessere offerto loro dal loro Paese d’origine”.

Condividi sui social