Il deposito inviato alla Banca centrale yemenita fa parte di un pacchetto di sostegno economico e non appartiene solo ad Aden, ma a tutto il popolo

L’ambasciatore saudita in Yemen, Mohammed Al Jaber, ha spiegato i contenuti del pacchetto di aiuti destinato al paese e il deposito inviato alla Banca centrale yemenita.

Parlando all’emittente “Al-Arabiya”, il diplomatico ha spiegato che il deposito fa parte di un pacchetto di sostegno economico al popolo yemenita. Il governo legittimo ha presentato un progetto di riforma finanziaria e monetaria per ottenerlo.

Infatti, l’Arabia Saudita ha firmato un accordo di deposito con la Banca centrale dello Yemen per un importo di un miliardo di dollari. L’intero importo è stato depositato sul conto della Banca centrale dello Yemen.

L’ambasciatore Mohammed Al Jaber ha aggiunto:

“Abbiamo sostenuto il paese con 400 milioni di dollari per vari progetti di sviluppo e la fornitura di derivati ​​​​del petrolio ha contribuito a salvare la moneta”.

Anche la seconda fase della fornitura di derivati ​​del petrolio allo Yemen è stata completata.

“Il deposito saudita non appartiene solo ad Aden, ma a tutto il popolo yemenita”.

Per quanto riguarda gli sforzi della comunità internazionale, l’ambasciatore saudita ha spiegato quali sono le novità. Ha confermato che il Regno ha convinto la comunità internazionale a passare dai soccorsi allo sviluppo.

Il programma saudita a sostegno dello Yemen ha implementato centinaia di progetti di sviluppo dal 2018. L’ambasciatore Al Jaber ha anche confermato che il Fondo monetario arabo sta seguendo le riforme finanziarie nel paese.

Il Regno sta lavorando per costruire le capacità delle istituzioni yemenite, secondo l’ambasciatore saudita.

Questo deposito dovrebbe contribuire a rafforzare le capacità nel campo dell’attuazione del programma di riforme economiche per il paese. Programma firmato con il Fondo monetario arabo come organismo tecnico, per consentirgli di migliorare la stabilità economica.

Condividi sui social