Yemen

Yemen: forze Usa e Gb bombardano basi Houthi

Gli attacchi hanno segnato la prima risposta militare statunitense a quella che è stata una persistente campagna di attacchi con droni e missili contro navi commerciali dall’inizio del conflitto Israele-Hamas

L’esercito statunitense e quello britannico hanno bombardato nella notte più di una 60 obiettivi in 16 siti utilizzati dai ribelli Houthi sostenuti dall’Iran nello Yemen. Lo hanno fatto con un massiccio attacco per ritorsione, utilizzando missili Tomahawk lanciati da navi da guerra e aerei da combattimento. Gli obiettivi militari colpiti includevano hub logistici, sistemi di difesa aerea e depositi di armi.

Gli attacchi di venerdì hanno preso di mira una base aerea, aeroporti e un campo militare, ha detto la stazione televisiva Al-Masirah dei ribelli Houthi. “Il nostro Paese è stato sottoposto a un massiccio attacco da parte di navi, sottomarini e aerei da guerra americani e britannici”, ha detto il vice ministro degli Esteri Houthi, Hussein Al-Ezzi, secondo i media ufficiali dei ribelli. “L’America e la Gran Bretagna dovranno prepararsi a pagare un prezzo elevato e a sopportare tutte le terribili conseguenze di questa palese aggressione”, ha affermato.

Il comando centrale degli Stati Uniti ha descritto gli attacchi militari contro i siti Houthi come un “successo” in una dichiarazione di venerdì mattina. Il comando centrale degli Stati Uniti ha affermato di ritenere gli Houthi sostenuti dall’Iran responsabili degli attacchi alle navi internazionali nelle ultime settimane. Questi attacchi miravano a minare la capacità degli Houthi di effettuare ulteriori attacchi.

Sessanta obiettivi in 16 località Houthi sono stati colpiti da più di 100 munizioni a guida di precisione. “Riteniamo i militanti Houthi e i loro destabilizzanti sponsor iraniani responsabili degli attacchi illegali, indiscriminati e sconsiderati alle navi internazionali che hanno avuto finora un impatto su 55 nazioni, mettendo in pericolo la vita di centinaia di marinai, compresi gli Stati Uniti”, ha affermato il Generale Michael Erik Kurilla, comandante dell’USCENTCOM.Gli attacchi hanno coinvolto aerei da combattimento e missili Tomahawk, ha affermato il comando centrale delle forze aeree statunitensi.

“Oggi, sotto la mia direzione, le forze militari statunitensi – insieme al Regno Unito e con il sostegno di Australia, Bahrein, Canada e Paesi Bassi – hanno condotto con successo attacchi contro una serie di obiettivi nello Yemen utilizzati dai ribelli Houthi per mettere in pericolo la libertà di navigazione in Yemen. uno dei corsi d’acqua più vitali del mondo”, ha detto il presidente statunitense, Joe Biden in una dichiarazione. I giornalisti nella capitale dello Yemen, Sana’a, hanno sentito quattro esplosioni all’alba di oggi ma non hanno visto alcun segno di aerei da guerra.

Due residenti di Hodieda, Amin Ali Saleh e Hani Ahmed, hanno detto di aver sentito cinque forti esplosioni. Hodieda si trova sul Mar Rosso ed è la più grande città portuale controllata dagli Houthi. Gli attacchi hanno segnato la prima risposta militare degli Stati Uniti a quella che è stata una persistente campagna di attacchi con droni e missili contro navi commerciali dall’inizio del conflitto Israele-Hamas.

E l’assalto militare coordinato arriva appena una settimana dopo che la Casa Bianca e i paesi partner hanno lanciato un ultimo avvertimento agli Houthi affinché cessino gli attacchi o affrontino una potenziale azione militare. Sembra che l’avvertimento abbia avuto almeno un impatto di breve durata, poiché gli attacchi si sono fermati per diversi giorni. Martedì scorso, tuttavia, i ribelli Houthi hanno lanciato la loro più grande offensiva con una raffica di droni e missili contro le navi nel Mar Rosso, navi statunitensi e britanniche. I caccia Usa hanno quindi hanno risposto abbattendo 18 droni, due missili da crociera e un missile antinave.

Condividi sui social