Yemen

Yemen: missile Houthi esplode vicino nave nel Mar Rosso

Le forze statunitensi hanno condotto attacchi nello Yemen contro 10 droni e una stazione di controllo a terra appartenenti alla milizia Houthi sostenuta dall’Iran

Si ritiene che un missile lanciato ieri da una base militare controllata dagli Houthi nello Yemen sia esploso vicino a una nave nel Mar Rosso. L’agenzia britannica per le operazioni commerciali marittime è stata allertata dell’esplosione in mare aperto a 57 miglia nautiche (106 km) a ovest di Hodeidah.

Testimoni oculari nella provincia yemenita di Ibb, controllata dal gruppo militante, hanno affermato che il missile era stato lanciato ieri pomeriggio dalla struttura militare di Al-Hamza nella regione di Al-Sabrah. Un allarme inviato all’UKMTO descriveva “un’esplosione a una certa distanza dal lato di dritta della nave. La nave e l’equipaggio sono al sicuro”.

Il 26 gennaio, gli Houthi hanno lanciato un missile dalla stessa posizione, ma ha mancato il bersaglio ed è esploso vicino al sito di lancio. Nel frattempo, mercoledì, gli Houthi hanno arrestato quattro civili ad Al-Maitam di Ibb perché sospettati di aver fotografato i loro agenti mentre preparavano il lancio dei razzi. Ieri mattina, l’esercito americano ha lanciato attacchi sul territorio controllato dagli Houthi nello Yemen, prendendo di mira 10 droni che stavano per essere lanciati contro le navi.

Il Comando Centrale degli Stati Uniti ha riferito che le sue forze avevano distrutto una “stazione di controllo a terra di UAV (veicoli aerei senza pilota) Houthi e 10 UAV unidirezionali Houthi” che erano considerati una minaccia per le navi commerciali e le navi della Marina americana nell’area.

In una dichiarazione, il CENTCOM ha affermato: “Le forze statunitensi hanno successivamente colpito e distrutto la stazione di controllo a terra degli UAV e 10 UAV di attacco unidirezionale per legittima difesa”.

Gli Houthi hanno affermato che i recenti attacchi statunitensi hanno colpito Al-Jabanah nell’ovest di Hodeidah e Saada, il cuore della milizia nel nord.

Negli ultimi tre mesi, gli Houthi hanno sequestrato una nave commerciale e lanciato decine di missili e droni contro navi commerciali e della marina nel Mar Rosso, Bab El-Mandeb (lo stretto che collega il Mar Rosso al Golfo di Aden) e nel Golfo di Aden nel tentativo di impedire alle navi legate a Israele di utilizzare le rotte marittime al largo dello Yemen e fare pressione su Israele affinché revochi l’assedio di Gaza.

Il leader Houthi Abdul Malik Al-Houthi ha affermato che 165.429 yemeniti che si erano diplomati ai corsi di addestramento militare negli ultimi due mesi sarebbero stati inviati a combattere contro Israele. Si è inoltre impegnato a continuare gli assalti alle navi commerciali e militari che operano al largo delle coste yemenite.

In un discorso, ha affermato che i funzionari americani avevano cercato aiuto dalla Cina nel tentativo di sollecitare il suo gruppo a fermare gli attacchi sul Mar Rosso.

Al-Houthi ha dichiarato: “Un’indicazione del fallimento dell’America è il suo sforzo di chiedere aiuto alla Cina per mediare e persuaderci a sospendere le nostre azioni a favore del popolo palestinese.

“Gli attacchi americani e britannici sono inefficaci e non diminuiranno la nostra capacità militare”.

Condividi sui social