Yemen

Yemen: primo attacco iracheno-Houthi contro Israele

Gli Houthi dello Yemen affermano che le loro operazioni si limitano a prendere di mira le navi affiliate o dirette a Israele per costringere quest’ultimo a porre fine alla sua guerra a Gaza.

Il leader della milizia Houthi dello Yemen, Abdul Malik Al-Houthi, ha detto che le sue truppe hanno lanciato ieri mattina il loro primo attacco contro Israele con l’assistenza della Resistenza Islamica Irachena in rappresaglia all’offensiva israeliana nella Striscia di Gaza palestinese.

“Le nostre forze militari hanno iniziato operazioni coordinate con la Resistenza Islamica in Iraq eseguendo un’importante operazione verso il porto di Haifa”, ha detto Al-Houthi in un discorso televisivo.

Ha aggiunto che negli ultimi 30 giorni hanno lanciato 91 missili balistici e droni in 38 operazioni contro navi nel Mar Rosso, nel Mar Arabico, nell’Oceano Indiano e nel Mediterraneo.

Al-Houthi ha affermato che le sue truppe avevano sviluppato un missile balistico a lungo raggio in grado di eludere i radar e arrivare fino a Israele e di aver lanciato sette missili balistici e quattro droni contro la portaerei americana Eisenhower, facendola riposizionare a nord. del Mar Rosso per evitare ulteriori attacchi.

Il discorso del leader Houthi è arrivato poco dopo che il portavoce militare della milizia, Yahya Sarea, aveva annunciato che le loro forze, insieme alla Resistenza islamica in Iraq, avevano lanciato due attacchi con droni contro navi nel porto israeliano di Haifa in risposta alle operazioni militari israeliane a Rafah, nel sud di Gaza.

“Le forze armate yemenite hanno condotto due operazioni militari coordinate con la Resistenza islamica irachena. Il primo ha preso di mira due navi che trasportavano equipaggiamento militare nel porto di Haifa”, ha detto Sarea, aggiungendo che il secondo attacco ha preso di mira una nave che aveva infranto le restrizioni sul viaggio verso lo stesso porto israeliano.

Durante la loro campagna contro le navi sulle rotte marittime internazionali, iniziata a novembre, gli Houthi hanno sequestrato una nave commerciale, ne hanno affondata un’altra e hanno affermato di aver lanciato centinaia di droni e missili balistici contro oltre 130 navi nel Mar Rosso, Bab Al-Mandab. Stretto, Golfo di Aden, Oceano Indiano e Mediterraneo.

Gli Houthi affermano che le loro operazioni si limitano a prendere di mira le navi affiliate o dirette a Israele per costringere quest’ultimo a porre fine alla sua guerra a Gaza.

Mercoledì Sarea ha affermato di aver preso di mira tre navi nel Mar Rosso e nel Mar Arabico, ma non ha specificato quando si sono verificati gli attacchi.

Ha detto che le loro forze missilistiche e droni hanno colpito Roza e Vantage Dream nel Mar Rosso per aver violato il loro embargo sui viaggi verso il porto israeliano, così come Maersk Seletar nel Mar Arabico, che secondo lui è di proprietà degli Stati Uniti.

L’app di localizzazione delle navi Marine Traffic ha identificato la nave Roza come una nave portarinfuse battente bandiera liberiana in viaggio dall’India al Canale di Suez e in arrivo giovedì.

La nave Vantage Dream è un’altra nave portarinfuse battente bandiera liberiana che navigava dall’India al Canale di Suez mentre la nave Maersk Seletar è una nave portacontainer battente bandiera statunitense partita mercoledì dalla Salalah dell’Oman verso una località non identificata, secondo lo stesso app per il monitoraggio delle navi.

Nel frattempo, il ministro dell’Informazione dello Yemen, Moammar Al-Eryani, ha lanciato un appello urgente alla comunità internazionale affinché faccia pressione sugli Houthi affinché consentano a un giornalista yemenita ferito di cercare cure mediche.

Secondo il ministro yemenita, Mohammed Shubaita, segretario generale del Sindacato dei giornalisti yemeniti, ucciso dagli Houthi all’inizio del mese scorso, è detenuto in un ospedale di Sanaa. La sua salute è peggiorata, gli Houthi gli hanno negato le cure adeguate e solo a poche persone è stato permesso di fargli visita, ha detto il ministro.

“È in una situazione difficile a causa delle complicazioni dovute alle lesioni e alle rotture intestinali. Inoltre si trova in una situazione psicologica terribile perché continua a negargli le visite e a permettere solo a un piccolo numero di persone di vederlo”, ha detto il ministro su X.

Condividi sui social