Fa il bagno con lo smartphone, 22enne muore folgorata.

Lo Sportello dei Diritti: “Non utilizzare dispositivi in carica mentre si fa il bagno”

Fa il bagno con lo smartphone, 22enne muore folgorata.
Fa il bagno con lo smartphone, 22enne muore folgorata.
chesini garden
chesini garden
chesini garden

Fa il bagno con lo smartphone, 22enne muore folgorata. Lo Sportello dei Diritti: “Non utilizzare dispositivi in carica mentre si fa il bagno”

 

Una ventiduenne è morta nella vasca da bagno a causa dello smartphone in carica. È successo giovedì sera poco prima delle 21 in un'abitazione di Gossau, nel Canton San Gallo, in Svizzera. Ne dà notizia oggi la polizia cantonale. Erano da poco passate le 20, quando la giovane è entrata nella vasca piena d'acqua. E lo ha fatto portandosi appresso il proprio dispositivo, con il quale seguiva una trasmissione tv. Il telefono era in carica, quindi collegato a una presa elettrica. Secondo la ricostruzione della polizia, il dispositivo è caduto nell'acqua. E la donna ha perso la vita a causa della scossa elettrica. Per lei non c'è stato nulla da fare, nonostante l'intervento dei soccorritori. Nonostante le indagini siano ancora in corso, come si legge, il motivo principale pare essere «folgorazione», ovvero il passaggio di elettricità da un agente esterno al corpo, tramite un conduttore, in questo caso l’acqua. A spiegarlo, è stato un esperto: «L’acqua è un conduttore di corrente ed è il motivo che ha scatenato la tragedia. Se il telefono non fosse stato collegato a una fonte di energia da 220 volt non sarebbe successo nulla». La spiegazione è corretta, almeno in parte. All’interno dei telefonini odierni c’è una batteria che non rilascia corrente verso l’esterno anche quando il dispositivo è acceso. Non a caso, cresce sempre più il numero di smartphone con certificazione IP67 o IP68, capaci di resistere a cadute accidentali in acqua o a immersioni più profonde e durature, fino a 3 metri e a 60 minuti. Il problema qui è la connessione del cellulare ad una sorgente elettrica, che porterebbe a seri incidenti solo in determinate situazioni. C'è un però: la potenza da 220 volt di cui parla l'esperto non viene trasferita, totalmente, al cellulare perché ridotta e canalizzata dal trasformatore inserito nel caricabatterie. Al contrario, avremmo smartphone bruciati al primo caricamento. Le cause vanno allora ricercate altrove. Lo smartphone di per sé non veicola elettricità. Anche se fosse agganciato alla presa a muro e da questa si staccasse per finire in acqua, la quantità di corrente che dalla porta di alimentazione passa per il cavetto non sarebbe tale da causare una folgorazione (si parla di 3 volt). Certo, porte difettose o cavi sbucciati con parti scoperte indurrebbero esiti fatali ma sono solo congetture che le indagini dovranno chiarire. Una possibilità, la principale da vagliare, è quella della caduta in acqua di tutto il caricatore, i cui “dentini” potrebbero essere il presupposto del passaggio di corrente da una fonte primaria attraverso il conduttore, e da qui alla persona immersa. Una potenza sicuramente minore di 220 volt ma resa rischiosa da alcune condizioni, come l’assenza di un salvavita. Ed è quanto successo nel 2017 ad una ragazza di Crotone, folgorata da una ciabatta caduta nella vasca, alla quale era attaccato un telefonino in ricarica. Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si tratta dell'ennesimo caso segnalato e rimbalzato alle cronache circa i rischi connessi all'uso di telefonini e smartphone che sono diventati oggetti insostituibili nella vita di ognuno di noi. Proprio per questo, è necessario che le case produttrici adottino maggiori accorgimenti, anche in termini d'informazione ai consumatori per evitare che si ripetano casi analoghi al fine, anche, di non utilizzare dispositivi in carica mentre si fa il bagno.