Gela, preoccupa lo spostamento della Petroservices Mediterranea

intervengono i sindacati ma ci sono forti timori

Gela, preoccupa lo spostamento della Petroservices Mediterranea
lavoratori
chesini garden
chesini garden
chesini garden

Gela, preoccupa lo spostamento della Petroservices Mediterranea

In tempi di coronavirus, ma anche prima a dirla tutta, il lavoro è sempre al primo posto nella testa delle persone che, quando si accorgono di eventuali spostamento di sedi/filiali, cominciano a temere il peggio.

Tante aziende per non licenziare apertamente, spostano la produzione consapevoli che i lavoratori difficilmente riusciranno a spostarsi, e il piu’ delle volte gli spostamenti o delocalizzazioni avvengono verso paesi dell’est in cui il livello della tassazione è nettamente al di sotto degli standard italiani.

Nel caso di della Petroservices Mediterranea, si parla del trasferimento di 15 lavoratori verso l’Abruzzo, nonostante la mediazione di Filctem e Femca con l’azienda di cui parliamo.

. L’azienda si occupa delle attività nelle aree dei pozzi estrattivi. I dipendenti hanno dichiarato lo stato di agitazione, supportati da Filctem e Femca, come annuncia il Quotidiano di Gela.

Seguiremo anche noi con apprensione e partecipazione quanto avviene.