Il Mose, dubbi e incertezze

Il commissario Spitz: "Non è finito, ci sono ancora 18 mesi di lavoro"

Il Mose, dubbi e incertezze
chesini garden
chesini garden
chesini garden

Le barriere del Mose sono costituite da schiere di paratoie, installate nel fondale delle bocche di porto, che consentono di separare temporaneamente la laguna dal mare quando è previsto un evento di acqua alta, csì viene descritto in estrema sintesi, il funzionamento del Mose.

A cosa serve?

E' finalizzato alla difesa della città di Venezia e della sua laguna dai pericoli associati al fenomeno delle acque alte: tale progetto rientra nell'ambito più generale di altri interventi già svolti o da svolgere, come il rinforzo dei litorali, il rialzo di rive e pavimentazioni e la riqualificazione della laguna, essendo stato progettato per proteggere Venezia e la laguna da maree fino a 3 metri e attualmente la sua entrata in funzione è prevista per maree superiori a 110 cm (wikipedia).

Peccato che le ultime notizie non siano così lusinghiere e positive, dopo anni di investimenti, sono scattati 35 arresti e 100 indagati eccellenti tra politici di primo piano e funzionari pubblici, per reati contestati quali creazione di fondi neritangenti e false fatturazioni. A seguito delle vicende giudiziarie verificatesi tra il 2013 e il 2014, che hanno visto coinvolti parte degli organi dirigenziali del Consorzio Venezia Nuova e delle sue imprese.

Il Corriere del Veneto affermava:" Si è concluso in soli 50 minuti oggi il nuovo test di sollevamento in contemporanea di tutte le 78 barriere del Mose alle tre bocche di porto di Lido, Chioggia e Malamocco. Ne dà notizia l’ufficio del Commissario straordinario per l’opera"

Altri pensieri, quelli di Giovanni Andrea Martini, su La Voce di Venezia

"Preoccupa anche la situazione del Mose. Nessuna verifica seria. Gli esperti chiedono quanto abbiamo più volte ribadito in campagna elettorale: una commissione internazionale e super partes che valuti lo stato di funzionamento del MoSe, la sua efficacia e, sopratutto, la sicurezza per la città. La sordità su questo aspetto sembra totale. Cosa ci dobbiamo aspettare?

Eppure i conti non tornano

Il commissario Spitz: "Non è finito, ci sono ancora 18 mesi di lavoro"