La Polaria di Malpensa dirime il rebus e individua una persona di 37 anni, di nazionalità straniera, parliamo della Scalinata di Trinità dei Monti

Ha fatto scalpore anche fuori Italia, il triste episodio dell’uomo che è sceso con la Maserati dalla scalinata di Trinità dei Monti a Piazza Spagna, a Roma.

Un episodio non unico, purtroppo, tra i diversi di turisti che “per gioco” si dilettano a combinare guai e danni alle bellezze architettoniche e culturali romane.

L‘intervento della Polaria di Malpensa

La Polizia di Stato, Ufficio di Frontiera dell’aeroporto di Malpensa, ha fermato una persona di 37 anni, di nazionalità straniera (AGI)

La persona ” non risultava essere arrivata in aeroporto con alcun volo, né tantomeno essere in procinto di partire.”

L’episodio è avvenuto la notte dell’11 maggio a Roma.

Come ne sono venuti a capo a Malpensa?

La Polaria, negli usuali controlli in aeroporto a Malpensa, ha controllato un uomo per verificare il motivo della sua presenza in aeroporto.

L’uomo ha detto di essere sul posto per riconsegnare una Maserati, dopo averla noleggiata in aeroporto.

Lo straniero, indispettito dalle domande degli agenti, cominciava ad essere insofferente e nervoso.

Controlli a Roma

L’auto, la Maserati, ha insospettito i poliziotti e li ha indotti a contattare i colleghi di Roma e sbrogliato la matassa:

  targa e modello corrispondevano a quella restituita dalla persona controllata.

Ulteriori indagini e infine la conferma

Gli agenti hanno controllato la Maserati, e hanno trovato evidenti segni di danneggiamento e graffi sulla carrozzeria.

Lo straniero, alla fine, ha confermato di essere colui che era alla guida del veicolo la notte dell’11 maggio.

Fine della storia con denuncia

 L’uomo viene denunciato alla magistratura, una volta informata la procura di Busto Arsizio, per i reati previsti dalle recentissime norme per la tutela del patrimonio culturale.

La sagacia e scaltrezza della Polaria ha consentito di far pagare la malefatta

Aggiungiamo che meriterebbero un premio. L’intuito e la professionalità vanno riconosciuti.

Condividi sui social