Devero. Consiglio di Stato respinge i ricorsi

Devero. Consiglio di Stato respinge i ricorsi

Devero. Consiglio di Stato respinge i ricorsi del Parco e della Regione sul Grande Est del Devero

17 gennaio 2024 – Il Consiglio di Stato ha respinto i ricorsi in appello avanzati dall’Ente Aree Protette dell’Ossola e dalla Regione Piemonte contro l’ordinanza di sospensiva cautelare dei lavori sul Grande Est del Devero, emessa dal TAR Piemonte il 5 ottobre 2023.

La decisione del Consiglio di Stato conferma la legittimità delle precauzioni richieste dalle associazioni di tutela ambientale rispetto al “rischio di compromissione dell’integrità del sito” Natura 2000 “Alpi Veglia e Devero-Monte Giove”, tutelato dalle direttive europee.

Le associazioni di tutela ambientale avevano contestato l’approvazione della Valutazione di incidenza ambientale (VIncA), relativa al progetto “Il grande Est di Devero: percorso ciclo-escursionistico tra gli alpeggi di Bettelmatt“.

Secondo le associazioni, la VinCA non è “appropriata” ai sensi della legislazione vigente sui progetti proposti all’interno dei Siti Natura 2000.

All’avvio dei lavori, intrapresi nonostante il ricorso delle associazioni, queste hanno chiesto una sospensiva cautelare del cantiere, perché gli interventi non venissero realizzati prima di una discussione nel merito di fronte a un giudice.

Il TAR Piemonte aveva accolto la richiesta delle associazioni, ordinando la sospensiva cautelare dei lavori e fissando la discussione nel merito nel novembre 2024.

L’Ente Aree Protette dell’Ossola e la Regione Piemonte si sono quindi appellati al Consiglio di Stato, chiedendo l’annullamento/riforma dell’ordinanza del TAR.

Il Consiglio di Stato ha respinto l’appello.

Contestualmente, il Consiglio di Stato ha chiesto al TAR Piemonte di anticipare l’udienza nel merito.

L’associazione ci segnala i suoi contatti:

Associazione Comitato Tutela Devero

Via Canuto 12 – 28845 Domodossola
 
Dona qui per tutelare il Deverohttps://comitatotuteladevero.org/shop 5 per mille al Comitato CF 93045660037
Firma la petizione su change cliccando qui: Salviamo l’Alpe Devero unendoti a più di 128.000 firme
Condividi sui social