L' Aquila, la salma sbagliata

A Sulmona i Carabinieri intervengono ad un funerale perche' nel feretro è presente il corpo senza vita di un'altra persona

L' Aquila, la salma sbagliata
Fotografia, Anton Darius
chesini garden
chesini garden
chesini garden

29 Novembre 2020

Sulmona (Aq)

Ieri pomeriggio i Carabinieri si sono presentati ad un funerale per sequestrare la salma del defunto.

Il corpo avrebbe dovuto essere quello di Aldo Di Simone, ricoverato e risultato positivo al Covid - 19 e morto a 61 anni, nel Reparto Utic - Cardiologia dell'Ospedale di Sulmona.

I Carabinieri sono stati avvisati dall'Ospedale di Pescara e sono intervenuti al funerale.

Il protocollo per i decessi legati al Covid - 19 sono complessi, infatti la famiglia non può vedere il congiunto e il corpo senza vita viene restitituito solo quando è gia sigillato nella bara.

Lo scambio delle due salme è infatti conseguenza di questo.

Al funerale c'è stato ovviamente un grande sgomento tra parenti, parroco e partecipanti alla cerimonia.

La famiglia Di Simone ha organizzato il funerale con il feretro giusto, non si sa se procederanno per via legale.

Francesca Cavellini