LA SPEZIA, gruppo criminale di etnia sinti operante da anni nel territorio ligure.

  L'operazione dei Carabinieri di La Spezia,  denominata “Settimo Comandamento”, coordinata dal Procuratore della Repubblica Antonio Patrono, ha portato a all'esecuzione di quattordici misure di  custodia cautelare e numerose perquisizioni locali.

LA SPEZIA, gruppo criminale di etnia sinti operante da anni nel territorio ligure.
chesini garden
chesini garden
chesini garden

LA SPEZIA 20 OTTOBRE 2020 – OPERAZIONE DEI CARABINIERI CONTRO BANDA CRIMINALE, ESEGUITE MISURE CAUTELARI

 

Dalle prime ore del mattino è in corso un’operazione da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale della Spezia, coordinata dalla locale Procura della Repubblica  nei confronti di un gruppo criminale di etnia sinti operante da anni nel territorio ligure.

Oltre 200 tra militari del Comando Provinciale e dei Reparti Speciali, tra cui 15° Nec di Villanova D’Albenga, SOS del 2° Btg. “Liguria” e Nucleo Cinofili di Villanova D’Albenga, stanno eseguendo una serie di misure cautelari personali e perquisizioni, per la ricerca di elementi utili alle indagini, nella provincia di La Spezia, Torino, Monza, Alessandria, Massa Carrara e Varese.-

 

I provvedimenti cautelari, emessi dal g.i.p. del Tribunale di La Spezia, riguardano soggetti nei confronti dei quali l’attività investigativa svolta ha messo in luce l’esistenza di una lunga, consolidata ed indiscussa professionalità nel portare avanti i loro affari illegali consistenti nel commettere un numero illimitato di gravi reati contro il patrimonio e la persona, anche nei confronti di anziani.-

 

L'operazione dei Carabinieri di La Spezia,  denominata “Settimo Comandamento”, coordinata dal Procuratore della Repubblica Antonio Patrono, ha portato a all'esecuzione di quattordici misure di  custodia cautelare e numerose perquisizioni locali.

Secondo l'accusa il gruppo di etnia sinti, molto attivo in provincia di La Spezia, con ramificazioni nelle province di Torino, Varese, Massa Carrara ed Alessandria, avrebbe commesso un numero rilevante di reati contro il patrimonio tra i quali furti, truffe, ricettazione in danno di privati cittadini, in particolari delle c.d. fasce deboli/vulnerabili quali gli anziani,  ed esercizi pubblici/commerciali.