Messina, promesse da sindaco

Doveva diminuire invece aumenta. Cosa? La Tari!

Messina, promesse da sindaco
soldi
chesini garden
chesini garden
chesini garden
MESSINA. PROMESSE DA ... SINDACO 
Doveva diminuire invece aumenta. Cosa? La Tari! Sono in consegna dalle Poste i bollettini per pagare la tassa sui rifiuti e quanti li hanno già ricevuti anno dovuto constatare con sorpresa (amara) che il sindaco De Luca aveva mentito alla città: aveva promesso che per il 2021, con la realizzazione della raccolta differenziata, la Tari sarebbe diminuita di almeno il 30 per cento, invece.... Invece è aumentata di circa il 10 per cento. Quindi, fra il non concesso e l'aumento la somma fa ... 40 per cento.
L'azienda per la raccolta dei rifiuti per giustificare l'aumento e difendere il sindaco afferma che ci sono troppi evasori della Tari ed è per questo che la città è sporca: gli evasori, per non farsi scoprire e continuare a non pagare, si afferma, buttano ii rifiuti in ogni dove. E' vero solo in parte: c'è chi viene spinto da questo "bisogno di non pagare", ma c'è anche chi, in presenza di un servizio di raccolta del tutto raffazzonato e per niente intelligente butta i sacchetti di spazzatura ovunque per non tenerseli in casa, per preservare le mura domestiche dagli olezzi.
Del resto l'esempio lo danno i gestori degli esercizi, tutti con i mastelli davanti alle porte, per strada o sui marciapiede, magari tra i clienti che si siedono ai loro tavoli per un aperitivo o una cena. Sarebbe un discreto servizio di raccolta, ad esempio se specie per i rifiuti considerati "Umido" o "Differenziata" la raccolta avvenisse ogni giorno. Ma, programmare non è come avere a che fare con le faccende domestiche...
gam