Milleproroghe: Rixi e Maccanti attacco strumentale a Governo e N.C.C.

Milleproroghe: Rixi e Maccanti attacco strumentale a Governo e N.C.C. rispondono Governo in atto, sta dimostrando apprezzabile sensibilità nei confronti di migliaia di aziende, imprenditori e famiglie facenti parte del settore Noleggio con Conducente

Milleproroghe: Rixi e Maccanti attacco strumentale a Governo e N.C.C.
chesini garden
chesini garden
chesini garden

Milleproroghe: Rixi e Maccanti attacco strumentale a Governo e N.C.C.

Il governo PD-M5S , in un momento socialmente ed economicamente drammatico causato dalla pandemia da Covid-19 e politicamente complesso vista la crisi di Governo in atto, sta dimostrando apprezzabile sensibilità nei confronti di migliaia di aziende, imprenditori e famiglie facenti parte del settore Noleggio con Conducente. Sono infatti trapelate proposte emendative al Milleproroghe di assoluto rilievo e volte a salvaguardare l’intera categoria N.C.C.

“Il Governo conte bis, con un colpo di coda, vuole favorire gli abusivi e l’illegalità”. Questo è ciò che gli onorevoli Rixi e Maccanti (Lega) hanno dichiarato e che è circolato in un post di una nota pagina Facebook del settore Taxi (post comparso e poi rimosso) relativamente agli emendamenti di cui parliamo. (FONTE: ilquotidianoditalia.it)

Ci auguriamo, prima di tutto, che la Lega chiarisca ed eventualmente prenda le distanze da tali dichiarazioni, volte a mettere in contrapposizione Taxi e N.C.C., cosa assolutamente inopportuna in un momento economicamente drammatico come quello che stiamo vivendo per di più dando degli “abusivi e illegali” alla categoria del Noleggio con Conducente.

In secondo luogo, a nostro avviso, contrariamente a quanto dichiarato dagli onorevoli, il Governo Conte bis sembrerebbe essersi reso conto delle storture presenti nella normativa che regola il trasporto pubblico non di linea, storture evidenziate anche dalla Corte Costituzionale che nel 2019, ne ha censurato una parte.

Dopo un anno e mezzo di confronto tra sigle N.C.C. e Ministero dei Trasporti, unito alla perenne contrapposizione di una parte del mondo Taxi, si sta tentando di dare più tempo ai due settori affinché si generi un confronto costruttivo riguardo il registro delle licenze taxi e autorizzazioni N.C.C. (R.E.N.) e i due decreti attuativi ad esso collegati (Foglio di Servizio Elettronico e Regolamentazione APP). Considerata l’attuale crisi di Governo, le prossime elezioni del Presidente della Repubblica e le successive, probabili, elezioni politiche, un periodo di 3 anni sembra sufficientemente coerente, considerata la complessità del tema trattato.

L’obiettivo di PD e M5S sembra essere quello di una risoluzione definitiva delle problematiche di una legge incompleta, lacunosa e che presenta vuoti normativi generati anche e soprattutto dalla Corte Costituzionale. Crediamo che un dialogo istituzionale trasversale e inclusivo, tra taxi e NCC, sia necessario e possibile, soltanto attraverso il congelamento delle sanzioni previste da una legge vuota, fatta approvare di notte.

In definitiva, l’unico proposito sembra essere quello di tutelare imprenditori, lavoratori e famiglie e se la politica ritiene serva tempo per poter definire e risolvere le problematiche del Trasporto Pubblico non di Linea, traghettando migliaia di imprese fuori dal dramma, gli N.C.C. approvano!   

LE ASSOCIAZIONI

Aggregazione Noleggiatori con Conducente Italiana

ANC Trasporto Persone

ASINCC Associazione Siciliana Noleggio con Conducente

Associazione N.C.C. Italia

FAI Trasporto Persone Lazio

FederNcc Confcommercio Roma

FION Federazione Italiana Operatori Noleggio