Beve e sparisce, uno dei troppi casi di persone che cercano di approfittare della buona fede dei baristi, oppure dei ristoratori. Il caso raccontato su Facebook:

Beve e sparisce, caso a Varallo Pombia (NO)

Beve e sparisce, uno dei troppi casi di persone che cercano di approfittare della buona fede dei baristi, oppure dei ristoratori.

Il caso raccontato su Facebook:
AVVISO A TUTTI I COMMERCIANTI, IN PARTICOLARE BAR/RISTORANTI
Signori buongiorno,
Sono titolare di un bar situato in uno dei paesini vicino al vostro, che non specifico, ed ora capirete perchè:
Due giorni fa, di sera, si presenta un signore, nuovo, fa quattro consumazioni importanti al banco e le paga regolarmente.
Dopo un oretta va via.
La mattina successiva si ripresenta, fa una decina di consumazioni SOLO alcoliche importanti per un totale di circa 30 euro.
Mi dice che sta aspettando un signore che porta i soldi perchè il pos non ha credito, si scusa dicendo che in caso sarebbe tornato nel pomeriggio.
Io da stupido e non ancora molto esperto nel settore avendo aperto da poco, gli do fiducia.
Successivamente, nel giro di poco, non si vede piú, sparito.
Tutt’ora non si è fatto vivo, sappiamo già come andrà a finire, quindi lo descrivo qui, con la speranza che possiate tenere gli occhi aperti e non essere truffati.
La descrizione dell’uomo fatta dal barista:
Alto circa 1.70, barba bianca, poco bionda, ben curata e pettinata. Senza capelli, a quanto pare porta spesso occhiali da sole, sulla sessantina.
Carnagione abbronzata, si intuisce origini calabresi, ma senza accento accentuato.
Parla abbastanza sotto voce e noi lo abbiamo conosciuto con una polo (t-shirt) rossa, ha uno stile abbastanza “americano”.
L auto dovrebbe essere o rossa o nera. Ultima e non sottovaluta caratteristica, beve veramente tanto ed abbastanza velocemente.
Campari con bianco, birre da 66, amaro vecchia. Racconta di un vecchio lavoro come muratore, tetti, cantieri ecc. Si siede solo, non parla con nessuno.
Occhi aperti al furbetto.
Se avete dubbi ed inizia il trucchetto del Pos, chiamate i carabinieri, io andrò a sporgere denuncia a breve.
Saluti a tutti e buon lavoro, spero di esservi di aiuto.”
Un racconto come tanti, purtroppo, l’ultimo caso lo abbiamo raccontato ieri, qualche italiano che non paga e fa la stessa cosa pure in Albania:
Italiani che scappano. Berat, italiani scappano per non pagare il conto, c’è pure un video a corredo della notizia fornita da un media albanese, https://www.report-tv.al/home

Per la cronaca: un conto totale di 8.451 lek, pari a circa 80 euro, una cifra alla portata di tutti, 20 euro a testa.

video, clicca per vederlo

Condividi sui social