Palermo, commissariata l'AMAP, indagine su acque reflue

malfunzionamenti in 8 depuratori su 10, la Sicilia ha richiesto un lungo lavoro di approfondimento

Palermo, commissariata l'AMAP, indagine su acque reflue
chesini garden
chesini garden
chesini garden

"L'inchiesta della Commissione sulla depurazione delle acque reflue in Sicilia - affermò al termine dell'audizione il presidente della Commissione Ecomafie Stefano Vignaroli - sta portando alla luce situazioni davvero surreali.

Il depuratore di Acqua dei corsari a Palermo è un esempio eclatante: in mare non avrebbe scaricato solo fanghi, ma anche il percolato di Bellolampo.

E, altra assurdità, l'impianto pretendeva di depurare il percolato della discarica e rimandare poi nel sito i propri fanghi con una procedura di emergenza. Con malfunzionamenti in 8 depuratori su 10, la Sicilia ha richiesto un lungo lavoro di approfondimento, che ora è nella fase finale. La relazione conclusiva sarà il nostro contributo per la tutela del mare siciliano, che non può più tollerare questi scempi".  (agi).

Da tempo sen'era parlato e in videoconferenza, il  procuratore Francesco Lo Voi aveva dichiarato: "Abbiamo chiesto il commissariamento e non la misura interdittiva nei confronti di Amap o non abbiamo operato il sequestro preventivo - ha spiegato - perché avremmo arrecato un gravissimo danno alla collettività e poi l'autorità giudiziaria non può sostituirsi nella gestione di beni di questa importanza, a anche a fronte delle spese necessarie per l'adeguamento e l'ammodernamento".

Un fenomeno molto grave: su 44 mila tonnellate di fanghi stimati, l'impianto ha prodotto 2 mila tonnellate e il resto?
Il resto sarebbe stato scaricato in mare e assieme ai fanghi anche il percolato della discarica di Bellolampo a causa delle solite emergenze che non finiscono mai.

Stessa problematica negli impianti di Carini e Trappeto, tutto per rispamiare 7 milioni di euro annui.