Roma 8 Maggio Enrico Montesano in Piazza Gaetano Mosca

Comizio dell'attore Enrico Montesano “Un comico ci ha distrutto, un comico ci salverà!”

Roma 8 Maggio Enrico Montesano in Piazza Gaetano Mosca
chesini garden
chesini garden
chesini garden

Roma 8 Maggio Enrico Montesano in Piazza Gaetano Mosca

Roma 04 Maggio, Sabato 8 Maggio l'attore romano Enrico Montesano, scenderà in Piazza Gaetano Mosca a Roma, nel quartiere di Montecucco, per dare vita ad una manifestazione pacifica dove presenterà il suo comizio ironico satirico, dal titolo:  “Un comico ci ha distrutto, un comico ci salverà!”.

Montesano parlerà delle continue cautele “dello stare attenti”, che ci stanno inculcando, rifacendosi al pensiero di Mark Twain, che cita così : "è più facile ingannare la gente che convincerla che è stata ingannata".

La gente si sente più rassicurata, credendo alle notizie che passano alcuni media, noi invece cercheremo d'informarli in libertà, esordisce cosi l'attore descrivendo il suo comizio.

Enrico Montesano ha spiegato le motivazioni che lo hanno spinto ad organizzare questo evento durante una lunga intervista rilasciata ad adnkronos.

Di cui riportiamo alcuni stralci : “Faccio questo incontro con la gente per inoculare il virus del dubbio, più che il vaccino.

L’obiettivo è informare in modo libero, avvertendo che quando sentiamo parlare di alcuni concetti, come la quarta rivoluzione industriale, il World Economic Forum, il Nuovo Ordine Mondiale, transumanesimo, bisogna ascoltare e farci caso, perché noi non diamo credito alle dichiarazioni che vengono fatte durante il corso della storia, ma poi dopo vent’anni si realizzano.

Inoltre aggiunge che : “bisogna stare attenti a come si parla, perché si viene subito tacciati di negazionismo , io sono per la libertà, senza negare nulla“.

Pertanto l'attore ci tiene ad evidenziare il concetto, che qui nessuno nega l'esistenza del virus, ma evidenzia anche l'influenza rognosa che viene subita.

Enrico Montesano vuole fare capire alla gente, che qui c'è qualcuno che decide per noi, citando degli esempi tangibili come il coprifuoco alla ore 22:00 che c’impedisce di uscire, oppure l’imposizione di andare in giro con una pezza in faccia, affermando che la manovra più pericolosa è quella del pass vaccinale, senza il quale un cittadino non potrà né andare in vacanza oppure soggiornare in un albergo, che si uniformerà per paura di non ricevere multe, dando vita ad una grave limitazione delle libertà costituzionali.

Queste manovre messe in atto, costringeranno molti giovani a vaccinarsi, no perché ci credono ma perché forzati da una situazione aberrante.

E' importante invece essere informati sui rischi della somministrazione, citando le varie smentite che sono emerse dalle informazioni che il Governo ha condiviso con i cittadini, che inizialmente affermavano che il vaccino avrebbe immunizzato per un anno, poi per sei-otto mesi, poi invece bisogna rifarlo ogni anno, l'attore vuole informare su cosa bisogna stare veramente attenti, per decidere liberamente, se vaccinarsi e diventare più infettivi, creando addirittura le varianti del virus stesso.

"Pertanto sul vaccino le persone devono essere informate sui rischi, e poi decidono liberamente".

Montesano incalza con altre riflessioni : “Quando Jacques Attali (economista e banchiere francese, ndr), scriveva che siamo troppi sulla terra e che dobbiamo diminuire, bisogna prestare orecchio.

Amici miei, ve vogliono eliminà: no perché siete ebrei, neri, poveri o brutti, perché siete troppi”, ironizza l’attore.

Montesano parla anche dei tanto discussi protocolli Covid-19, che risultano non corretti, parlando del ricorso di Speranza al Consiglio di Stato per ripristinare il protocollo.

L'attore ci tiene ad informare la gente sui punti essenziali della campagna vaccinale, come per esempio : "Sapevate che il vaccino è sperimentale, e che è ammesso solo se non ci sono valide cure alternative? Ecco, bisogna farsi qualche domanda”.

In conclusione l'attore afferma che non si riconosce in nessun movimento politico, chiarendo che nel suo intervento ci sarà un excursus ironico-comico della nostra storia, per far capire come siamo passati dal boom allo sboom."

Aggiungendo che i vari casi di cronaca attuali come quello di Ciro Grillo, Fedez, oppure dello scudetto dell’Inter, sono argomenti che fungono da distrazione, per occultare i temi  veramente importanti".

L'attore non cita i nomi degli altri personaggi che interverranno al comizio, ma ci informa sulla loro qualifica, rispettivamente un avvocato, un giornalista, un giovane attore e altri personaggi coraggiosi”, auspicandosi che la popolazione partecipi ed ascolti il suo messaggio.