Champions: nasce la nuova Juventus di Allegri

Dopo il deludente avvio di campionato, il successo nell’esordio in Champions contro il Malmoe può rilanciare le ambizioni della nuova Juventus di Max Allegri. Ancora sono diversi gli esperimenti in cantiere per il tecnico toscano, alla ricerca del miglior assetto in campo, si intravedono però alcune soluzioni che fanno ben sperare i tifosi bianconeri. D’altronde la Juventus, pur dopo un inizio stentato nelle prime gare di Serie A, resta tra le squadre favorite per lo scudetto. Secondo i principali bookmakers online, come si può vedere nella recensione su Planetwin365 bonus e opinioni, i ragazzi di Allegri sono attualmente la seconda forza del campionato. L’Inter è data vincente Serie A 2021-2022 a quota 3.25 sul popolare sito di scommesse. Dietro i nerazzurri proprio la Juventus a quota 4.20. Ciò conferma che gli addetti ai lavori ritengono possibile un recupero in campionato per la “Vecchia Signora”.

Massimiliano Allegri ha avviato un delicato processo di ricostruzione dopo le turbolenti esperienze in panchina di Maurizio Sarri e Andrea Pirlo. Finalmente inizia ad avere le prime risposte affidabili in questa fase di sperimentazione. Il modulo su cui maggiormente puntare sarà molto probabilmente il 4-4-2. Danilo sarà impiegato nel ruolo di terzino destro, Bonucci e De Ligt (o Chiellini) la coppia centrale, Alex Sandro esterno basso di sinistra. In mezzo al campo spazio a Rabiot, al campione d’Europa Manuel Locatelli e ad un Bentacur dal rendimento più costante. In avanti Chiesa, Morata e Dybala partono un gradino davanti a tutti.

Naturalmente le gerarchie andranno a cambiare in base allo stato di forma dei giocatori ed agli avversari. Ecco perché troveranno spazio altre soluzioni in attacco, con Kulusevski e Kean che dovranno farsi trovare pronti a dare il loro contributo. Stesso discorso a centrocampo. Oltre al jolly Juan Cuadrado che farà più partite rispetto agli altri per la sua capacità di adattarsi a più ruoli, ci si aspetta che McKennie, Ramsey ed Arthur (adesso fermo ai box) daranno un maggiore apporto alla causa bianconera, tutte le volte che saranno chiamati in causa.

Non bisogna poi dimenticare Bernardeschi, Rugani e De Sciglio, a volte sottovalutati e non apprezzati da parte della tifoseria ma, come dimostra la vittoria agli Europei dalla nazionale di Mancini, potrebbero rivelarsi inaspettatamente decisivi nei momenti topici della stagione. Allegri deve essere bravo nel coinvolgere l’intera rosa, proprio come è riuscito a fare il tecnico di Jesi la scorsa estate a Coverciano, facendoli sentire tutti parte del nuovo ambizioso progetto bianconero.

Condividi sui social