Torino. Resa dei conti in Italia, tra cittadini del Bangladesh.

Decapitato da un suo connazionale.

Torino. Resa dei conti in Italia, tra cittadini del Bangladesh.
chesini garden
chesini garden
chesini garden

Torino. Resa dei conti in Italia, tra cittadini del Bangladesh.

Torino 10 Giugno, nella notte tra il martedì 8 e mercoledì 9 c.m. è stato rivenuto, in un appartamento di Torino, il cadavere di un 25enne del Bangladesh, decapitato.

Il cadavere appartiene a Mohammad Ibrahim, che lavorava come lavapiatti, presso un ristorante del capoluogo piemontese.

Secondo la ricostruzione dei fatti, della Squadra Mobile guidata da Luigi Mitola, della Questura di Torino, il movente del macabro omicidio sarebbe di natura economica.

Gli agenti hanno fermato M.M., l'assassino 24enne originario del Bangladesh, alla stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova, nella mattinata d'ieri, in seguito a perquisizione è stato trovato anche il coltello da cucina, arma utilizzata dall'assasino, nell'omicidio, e dei capi d'abbigliamento, elementi di rilievo probatorio.

La vittima, sarebbe stata uccisa per delle questioni di denaro conteso, in quanto avrebbe usato il denaro per pagare il matrimonio di una sua congiunta, già promessa in sposa all'utore dell'omicidio.