UNCEM: il Piemonte porta al tavolo nazionale Igor De Santis e Marco Bussone

UNCEM: il Piemonte porta al tavolo nazionale Igor De Santis e Marco Bussone
chesini garden
chesini garden
chesini garden

UNCEM: il Piemonte porta al tavolo nazionale Igor De Santis e Marco Bussone, Canavese e Valli di Lanzo in rappresentanza della Regione

Ci sarà il Canavese con le Valli di Lanzo al tavolo del Consiglio Nazionale dell’UNCEM che vedrà il Piemonte rappresentato da Igor De Santis e Marco Bussone, rispettivamente sindaco di Ingria e Consigliere Comunale a Vallo Torinese che oggi è Presidente dell'Uncem nazionale, eletti oggi dall’assemblea delle delegazione regionale dell’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani.

“Sono onorato – ha commentato Igor De Santis – di rappresentare il Piemonte presso l’organizzazione nazionale unitaria, presente in ogni realtà italiana, che da oltre 60 anni raggruppa e rappresenta i comuni interamente e parzialmente montani le comunità montane e le Unioni di comuni montani, oltre ad associare varie amministrazioni ed enti che lavorano per la montagna, a copertura di un territorio pari al 54% di quello nazionale e nel quale risiedono oltre 10 milioni di abitanti”.

“Dalla votazione – prosegue il sindaco di Ingria De Santis– è emersa una rappresentanza giovane, con cui si rinnovano gli entusiasmi di interlocuzione sui temi della montagna e sul valore di chi la vive. Colgo l’occasione per complimentarmi con Roberto Colombero che oggi abbiamo eletto come nuovo Presidente Uncem Piemonte la sua esperienza nella Comunità e poi dell’Unione montana Valle Maira sarà patrimonio per tutta la nostra squadra. Per quanto mi riguarda il mio contributo sarà di esperienza, vivendo la piccola e dinamica realtà di uno dei comuni più piccoli del Piemonte e di ascolto. Porterò al tavolo nazionale i temi del dissesto idrogeologico, della sanità territoriale e del presidio della medicina in montagna, del potenziamento turistico a livello di offerta e di promozione, oltre al tema della connessione e digitalizzazione delle aree rurali e di montagna, sull’esempio degli SmartVillages svizzeri. Dare strumenti ai cittadini della montagna per lavorare connessi sta dando buoni risultati nel mio Comune dove stiamo sperimentando molto e permette un cambio di paradigma anche turistico: non la montagna solo come buon retiro turistico ma come workation, unione delle inglesi work e vacation, destinazioni dove coniugare lavoro agile e relax”.

Il primo impegno operativo per gli eletti sarà venerdì 23 ottobre, per l'Assemblea italiana dell'Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani, che decreterà il consiglio nazionale e le sue cariche.