Varese, carcere piu' sicuro dell'Agenzia Formativa

presentato un esposto per chiedere lumi sui contagi.

Varese, carcere piu' sicuro dell'Agenzia Formativa
Agenzia Formativa a Varese
chesini garden
chesini garden
chesini garden

Un dipendente dell'Agenzia Formativa, Azienda Speciale della Provincia di Varese( dotata di propria personalità giuridica, di autonomia organizzativa, patrimoniale e contabile eche  rappresenta uno dei punti di riferimento nell’ambito della formazione professionale e dei servizi al lavoro nel più ampio contesto delle politiche attive del lavoro), ha presentato un esposto per chiedere conto di quanto accaduto nella sede di Varese.

Parliamo di una realtà importante in ambito regionale, con tutto il suo peso nel settore della formazione professionale ma anche  il ruolo apicale della politica varesina e regionale a cui risponde.

Entriamo nel merito dell'esposto a noi recapitato per evidenziare domande non da poco con la ricerca della verità: "c'è un caso  di Covid tra i Docenti, sarebbe stato a contatto con altri Docenti ed allievi delle classi di laboratorio che svolgono lezione in presenza.", primo passaggio chiave introduttivo sulla questione posta in essere.

Nell'esposto cosa si chiede ed evidenzia?

"Sollecito pertanto un controllo approfondito presso la sede sunnominata, secondo quanto sia in potere del Loro Ente, perché si disponga, secondo le misure di salute pubblica e la legislazione sanitaria  vigente, la sanificazione adeguata degli ambienti scolastici e di laboratorio, considerata anche  la circostanza che presso la sede di lavoro si rechino sia lavoratori impossibilitati allo smart working sia  più classi di laboratorio, appartenenti a  vari percorsi  professionali,  da lunedì a venerdì, le quali  saranno nuovamente in presenza da mercoledì   7 aprile 2021."

Si chiede sicurezza dal punto di vista sanitario e tranquillità, prima di dover e poter riprendere le elezioni in presenza, sia per gli insegnanti che per gli alunni.

Pensiamo soltanto a quali potrebbero essere gli esiti di un "focolaio" non solo sulla sede su cui si chiede approfondimenti, ma anche  per l'ombra che potrebbe gettare anche su altre sedi, come anche in altre scuole della provincia.

Potrebbe non essere un caso isolato, e quanto accaduto nelle carceri ne è la dimostrazione, con effetti deleteri dal punto di vista sanitario, economico e sociale.

Essere contagiati e rischiare di contagiare famigliari e figli ma anche genitori e nonni che potrebbero non superare ed affrontare la "prova" terribile da coloro che si sono trovati in quella condizione, vuole dire assumersi responsabilità etico-morali, sanzioni economiche, ma anche penali nel caso si dimostrasse che ( Ats è intervenuta ancora oggi) che effettivamente le cose siano andate come segnalato dal dipendente.

Le consequenze di un accertamento che rivelasse eventuali ( se certificate dalle Forze dell'Ordine) carenze e leggerezze, avrebbe straschici sicuri di tipo sindacale e politico, oltre alla perdita d'immagine di un ente così importante anche a livello regionale, con richiesta di dimissioni dell'intera dirigenza da parte di tutti gli attori coinvolti che non si sentono tranquilli.