Lazio, agricoltura, controlli dei CC

**Controlli Straordinari in Agricoltura nel Lazio: Irregolarità e Sanzioni**

Nei giorni scorsi, i militari del Comando Gruppo Carabinieri per la Tutela del Lavoro di Roma, insieme a quelli di Napoli e Roma, hanno condotto un’operazione straordinaria nelle aree agricole del Lazio.

L’intervento ha coinvolto anche i Comandi Provinciali di Roma, Latina e Viterbo e gli ispettori del lavoro dell’Ispettorato d’Area Metropolitana di Roma e degli Ispettorati Territoriali del Lavoro di Latina e Viterbo.

L’obiettivo era contrastare l’intermediazione illecita e lo sfruttamento del lavoro agricolo.

### Controlli e Aree Coinvolte

Le ispezioni si sono svolte nei comuni di Fiumicino (Maccarese), Anzio (Lavinio), Fondi, Terracina, Pontinia, Aprilia, Viterbo, Montalto di Castro e Acquapendente.

Sono state controllate 40 aziende agricole impegnate nella produzione e raccolta di ortaggi e frutta, nell’allevamento di ovini e bufale, e nella vinificazione.

### Risultati delle Ispezioni

Durante i controlli, sono emerse diverse irregolarità. Sedici aziende sono risultate non conformi e quattro hanno ricevuto provvedimenti di sospensione delle attività imprenditoriali.

Le violazioni principali riguardano la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e l’impiego di lavoratori in nero e clandestini, principalmente di nazionalità indiana.

### Violazioni di Sicurezza

Numerose sono state le violazioni rilevate in materia di sicurezza sul lavoro.

Tra queste, l’omesso utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (DPI), la presenza di gravi rischi derivanti dall’uso di attrezzature, e la mancanza di formazione e sorveglianza medica.

### Caso di Fregene

A Fregene, il titolare di una ditta di raccolta carote è stato denunciato per l’utilizzo di un macchinario privo del marchio CE, ritenuto non idoneo.

L’uso del macchinario è stato sospeso. Sempre a Fregene, sono stati trovati container fatiscenti, senza bagni, usati come alloggi per braccianti agricoli. Sono in corso accertamenti per verificare eventuali reati di sfruttamento lavorativo.

### Situazione ad Anzio

Anche ad Anzio, in alcuni dormitori dei lavoratori, è stata riscontrata una situazione di degrado. Seguiranno ulteriori accertamenti.

### Sanzioni Amministrative

Le autorità hanno emesso sanzioni amministrative per un totale di 75.000 euro e ammende per 52.000 euro.

### Obiettivo dei Controlli

I controlli rientrano in un’azione più ampia del Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro.

L’obiettivo è contrastare il caporalato in agricoltura e migliorare gli standard di sicurezza nelle campagne. In un territorio con alta vocazione agricola, i controlli sono essenziali anche per prevenire fenomeni criminali come furti, danneggiamenti e pascolo abusivo. Inoltre, i controlli servono a tutelare la salute dei consumatori, la sicurezza dei lavoratori e le attività degli imprenditori agricoli.

### Impegno delle Forze dell’Ordine

Nell’operazione sono stati impiegati 90 Carabinieri del Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro e 30 ispettori dell’INL. L’azione ha mostrato l’importanza del lavoro congiunto tra varie forze dell’ordine per garantire il rispetto delle normative e tutelare i diritti dei lavoratori.

### Conclusione

Le ispezioni straordinarie condotte nelle aree agricole del Lazio hanno evidenziato gravi irregolarità e portato all’emissione di sanzioni significative. Questi controlli rappresentano un passo importante nella lotta contro il caporalato e lo sfruttamento dei lavoratori, contribuendo a creare un ambiente di lavoro più sicuro e regolamentato.

Le operazioni continueranno in altre aree delle Province laziali, con l’obiettivo di mantenere alta la vigilanza e garantire il rispetto delle norme vigenti.

Condividi sui social