Marcell Jacobs vince la finale dei 60 metri

Marcell Jacobs vince la finale dei 60 metri

Marcell Jacobs vince la finale dei 60 metri  in Polonia, tappa Bronze del World Indoor Tour.

Massima felicità, ma cosa ha dichiarato (Adn-Kronos)

“Il tempo mi soddisfa fino ad un certo punto. Sto facendo un po’ più di fatica ma stiamo lavorando per quello che è il nostro obiettivo che sono i 100 metri.

Era giusto tornare in gara”, ha detto Jacobs.

Jacobs ha aggiunto pure:

Dobbiamo cercare di capire meglio questa prima parte di gara. Ma stiamo lavorando soprattutto in funzione dell’estate, i 100 metri.

Devo partire in maniera tale da accelerare al meglio per i 100, in modo da correrli con una progressione costante.

Non posso dire di essere contento del risultato cronometrico, ma era importante tornare, togliere un po’ di ruggine, sentire l’adrenalina della gara”.

Prossime tappe:  i Mondiali di Budapest,  Assoluti indoor di Ancona,  Europei indoor in Turchia, l Jacobs del 2023.

Oggi Jacobs ha “più maturità ed esperienza. E ancora tanta voglia di vincere”.

Ne avevamo parlato in un’occasione speciale:

Marcell Jacobs insignito della Laurea honoris causa da Masullo (ISFOA)
Jacobs,  a dieci anni iniziò a praticare l’atletica leggera,  e dal 2011 il salto in lungo col primo grande risultato:

migliore prestazione italiana juniores nel salto in lungo indoor con 7,75 m.

Riuscì due anni dopo, a migliorare la performance, arrivando a 8,03 m durante le qualificazioni dei campionati italiani.

A Bressanone nel 2016  la migliore prestazione di sempre per un italiano,  ha saltato 8,48 m, ma a causa del vento non venne tenuta in considerazione.

Non  può partecipare alle Olimpiadi di Rio.[11] a causa di una lesione.

Nel 2017 altro record: salto in lungo con 8,07 m, e Il 1º maggio 2018 corre in 10″15 i 100 m piani a Palmanova, migliorando il proprio record di 8 centesimi.

Una lunga serie di risultati da record che lo fanno apprezzare anche al di fuori del mondo dello sport:

Stefano Masullo ha dato Il riconoscimento e l’apprezzamento con la sua università.

L’università di cui Stefano Masullo (  magnifico rettore ) è l’ ISFOA

Sono parecchi i premiati da ISFOA che nel panorama universitario internazionale, spicca oltre che per la solidarietà ai paesi africani, soprattutto per i riconoscimenti dei percorsi lavorativi.

———————-articoli recenti ———————–

 

 

Condividi sui social