Yemen

Yemen: UE chiede rilascio di tutti i detenuti

L’Unione europea ha accolto con favore l’accordo sullo scambio di prigionieri nello Yemen

La missione dell’Unione europea in Yemen ha accolto con favore lo scambio di prigionieri concordato dal governo legittimo e dagli Houthi. In una nota sul proprio profilo Twitter, la missione ha chiesto il rilascio di tutti i prigionieri e di costruire su questo la via per raggiungere la pace nel paese.

La delegazione negoziale del governo dello Yemen e del gruppo Houthi ha concordato di rilasciare più di 887 prigionieri come prima fase. Questo dopo i negoziati sul dossier dei detenuti sotto l’egida delle Nazioni Unite e del Comitato internazionale della Croce Rossa .

Lo ha annunciato l’inviato delle Nazioni Unite in Yemen, Hans Grundberg, in una conferenza stampa a Ginevra, dopo dieci giorni di discussioni organizzate sotto l’egida delle Nazioni Unite e del Comitato internazionale della Croce Rossa.

“Sono lieto di informarvi che i due le parti hanno concordato un piano per il rilascio di 887 detenuti”.

Ha aggiunto che i partecipanti hanno deciso di incontrarsi di nuovo a metà maggio per discutere di un nuovo scambio di prigionieri.

Majed Fadel, un membro della delegazione negoziale del governo, ha affermato che gli Houthi rilasceranno l’ex ministro della Difesa Maggiore Generale Mahmoud al-Subaihi. Potrebbero rilasciare anche i quattro giornalisti condannati a morte e i figli di un certo numero di leader del governo yemenita.

I negoziati sono iniziati a Berna questo mese tra i rappresentanti del governo yemenita e gli Houthi, sotto la supervisione delle Nazioni Unite e del Comitato internazionale della Croce Rossa.

Ha detto Grundberg in una dichiarazione:

“Con l’avvicinarsi del mese di Ramadan, esorto entrambe le parti a rispettare gli impegni presi, non solo l’una con l’altra, ma anche con le migliaia di famiglie yemenite che aspettano da tempo di incontrare i loro parenti”.

L’ultimo scambio di prigionieri è avvenuto nell’ottobre 2020. Quando più di 1.050 prigionieri sono stati rilasciati e riportati nelle loro regioni o paesi”, secondo la Croce Rossa.

 

 

Condividi sui social