Arabia Saudita

Arabia Saudita-Onu: istituita piattaforma anticorruzione di Riad

L’Arabia Saudita la finanzia con 20 milioni di dollari

L’Arabia Saudita – rappresentato dall’Autorità di vigilanza e anticorruzione -, “Nazaha” e le Nazioni Unite, rappresentate dall’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine, hanno firmato un accordo per finanziare la creazione della Riad Secure Platform per lo scambio di informazioni tra i membri della Rete operativa globale delle autorità di contrasto alla corruzione (GlobE) per un importo di 20 milioni di dollari.

L’Arabia Saudita è stata rappresentata alla firma dell’accordo dal capo dell’Autorità di controllo e anticorruzione, Mazen Al-Kahmous, e a nome dell’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine, il direttore esecutivo dell’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine. e il direttore generale dell’Ufficio delle Nazioni Unite a Vienna, Ghada Wali.

Mazen Al-Kahmous ha spiegato che questo accordo affronterà le sfide rappresentate dalla debolezza dei meccanismi di comunicazione diretta e cooperazione tra le agenzie interessate alla lotta alla corruzione, in conformità con quanto richiesto dalla Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione. Ha spiegato che il sostegno del Regno alla creazione della piattaforma conferma la consapevolezza del Regno che la corruzione è un crimine transfrontaliero e che non è possibile limitare i rifugi sicuri per le persone corrotte e il loro denaro senza una stretta cooperazione internazionale.

È interessante notare che la rete è stata lanciata presso la sede delle Nazioni Unite a Vienna il 3 giugno 2021, a margine dei lavori della prima sessione speciale dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite per combattere la corruzione, mentre il ruolo del Regno nella creazione della Global La Rete Anticorruzione è stata apprezzata dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, nel suo intervento in apertura dei lavori dell’Assemblea Generale.

Successivamente, le Nazioni Unite hanno adottato ufficialmente la Riyadh Initiative Network il 17 dicembre 2021, durante la nona sessione della Conferenza degli Stati parti della Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione, tenutasi a Sharm El-Sheikh, nel corso di una risoluzione in cui gli Stati parti della Convenzione sono stati invitati ad aderire alla rete e a parteciparvi effettivamente, scambiando informazioni relative alle indagini e alle procedure penali e sostenendo gli scopi e gli obiettivi della rete.

La Spagna è stata nominata presidente del comitato direttivo della rete, mentre l’Arabia Saudita è stata nominata vicepresidente del comitato direttivo. Negli ultimi tre anni, più di 115 paesi e 205 agenzie anti-corruzione in tutto il mondo hanno aderito alla rete, a dimostrazione dell’efficacia della rete. ampio sostegno e grande importanza di questa iniziativa.

Condividi sui social