Yemen

Yemen: raid Usa contro obiettivi Houthi

Il CENTCOM ha dichiarato di aver agito per legittima difesa

L’esercito degli Stati Uniti ha annunciato questa mattina di aver condotto un attacco contro “veicoli esplosivi di superficie senza equipaggio” appartenenti agli Houthi nello Yemen in un’operazione condotta ieri pomeriggio.

La dichiarazione del CENTCOM afferma che i veicoli “rappresentano una minaccia imminente per le navi della marina americana e le navi mercantili nella regione” e l’azione, avvenuta intorno alle 15:30. ora locale, era per legittima difesa.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno condotto attacchi contro gli Houthi che hanno dichiarato un blocco del traffico marittimo a sostegno della guerra di Israele contro Gaza. Gli alleati hanno affermato che gli attacchi erano necessari per salvaguardare la sicurezza delle navi nel Mar Rosso e per sostenere il commercio internazionale.

Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno guidato gli attacchi contro gli Houthi mentre Australia, Bahrein, Paesi Bassi, Nuova Zelanda e Danimarca hanno fornito supporto.

L’organizzazione United Kingdom Maritime Trade Operations (UKMTO) ha annunciato questa mattina di aver ricevuto una segnalazione. Si tratta di un incidente 57 miglia nautiche a ovest di Hodeidah nello Yemen e che le autorità stanno indagando.

Gli Stati Uniti hanno affermato di non voler aumentare le tensioni regionali. Ma la scorsa settimana hanno condotto attacchi in Iraq e Siria in risposta all’uccisione di tre militari statunitensi nella Torre 22, una base in Giordania. Gli Stati Uniti hanno attribuito l’attacco dei droni alla Resistenza Islamica, una coalizione di gruppi antiamericani appoggiati dall’Iran.

Si ritiene che un missile lanciato ieri da una base militare controllata dagli Houthi nello Yemen sia esploso vicino a una nave nel Mar Rosso. L’agenzia britannica per le operazioni commerciali marittime è stata allertata dell’esplosione in mare aperto a 57 miglia nautiche (106 km) a ovest di Hodeidah.

Testimoni oculari nella provincia yemenita di Ibb, controllata dal gruppo militante, hanno affermato che il missile era stato lanciato ieri pomeriggio dalla struttura militare di Al-Hamza nella regione di Al-Sabrah. Un allarme inviato all’UKMTO descriveva “un’esplosione a una certa distanza dal lato di dritta della nave. La nave e l’equipaggio sono al sicuro”.

Il 26 gennaio, gli Houthi hanno lanciato un missile dalla stessa posizione, ma ha mancato il bersaglio ed è esploso vicino al sito di lancio. Nel frattempo, mercoledì, gli Houthi hanno arrestato quattro civili ad Al-Maitam di Ibb perché sospettati di aver fotografato i loro agenti mentre preparavano il lancio dei razzi. Ieri mattina, l’esercito americano ha lanciato attacchi sul territorio controllato dagli Houthi nello Yemen, prendendo di mira 10 droni che stavano per essere lanciati contro le navi.

Condividi sui social