Comacchio a portata dei disabili con il CUDE

Disabilità gravissima, fondi in Lombardia

# Disabilità Gravissima: Nuovi Fondi e Proroga del Buono Mensile in Lombardia

**Milano, 29 maggio 2024** – Regione Lombardia ha deciso di stanziare ulteriori 2 milioni di euro per il supporto alle persone con disabilità gravissima. Questi fondi si aggiungono ai 30,5 milioni già stanziati, di cui 13 milioni provengono dal Fondo Sanitario Regionale.

## Proroga della Rimodulazione del Buono Mensile

La regione ha annunciato la proroga al 1° agosto 2024 dell’avvio della rimodulazione del buono mensile. Questo buono è destinato alle persone con disabilità gravissima e agli anziani non autosufficienti con alto bisogno assistenziale. La misura B1 è specificamente rivolta a coloro che sono assistiti dal solo caregiver familiare.

## Nuovi Fondi con l’Assestamento di Luglio

Con l’assestamento di bilancio previsto per luglio, verranno stanziati ulteriori 8,5 milioni di euro. Questi fondi aggiuntivi serviranno a evitare le liste di attesa e a garantire la presa in carico dei cittadini con disabilità gravissima. La regione intende contemperare la libertà di scelta delle persone con disabilità con quanto dispone la normativa nazionale in materia di servizi.

## Incontro con le Associazioni

Il presidente della Regione Lombardia ha incontrato i rappresentanti delle principali associazioni di settore. Tra questi, Alessandro Manfredi di Ledha Fish, Angelo Achilli di Fand Lombardia, Valeria Negrini del Forum del Terzo Settore (in video collegamento), Emilio Rota e Salvatore Semeraro di Anffas Lombardia, ed Emilio Agosti di Anmic.

Hanno partecipato anche i direttori generali delle direzioni regionali Welfare e Famiglia e Solidarietà sociale. Questo incontro segna il primo step di un percorso che continuerà nei prossimi mesi con la convocazione del Tavolo ‘Fna’.

## Obiettivi del Percorso

L’obiettivo del percorso è rendere strutturali le misure concordate e accolte con favore dalle associazioni. Regione Lombardia si impegna a proseguire con un percorso comune, basato su un dialogo continuo, a favore delle persone con disabilità e delle loro famiglie.

## Il Piano Nazionale Non Autosufficienza

L’attuale programmazione, come stabilito dal Piano Nazionale Non Autosufficienza 2022/2024, richiede una graduale implementazione e potenziamento dell’offerta dei servizi già presenti sul territorio regionale.

## Impegni Futuri

Regione Lombardia e le associazioni rappresentative continueranno a collaborare per migliorare le condizioni di vita delle persone con disabilità. Questo impegno prevede un dialogo costante e la messa in atto di misure concrete per supportare i bisogni delle famiglie e dei caregiver.

## Dichiarazioni delle Autorità

Il presidente della Regione Lombardia ha sottolineato l’importanza di questo impegno, affermando che le persone con disabilità e le loro famiglie sono al centro delle azioni prioritarie della regione.

Ha inoltre ribadito la necessità di un dialogo costruttivo e continuo con le associazioni per superare le criticità esistenti.

## Commenti delle Associazioni

I rappresentanti delle associazioni hanno accolto con favore le misure annunciate. Alessandro Manfredi di Ledha Fish ha dichiarato che questi fondi aggiuntivi e la proroga della rimodulazione rappresentano un passo importante verso il miglioramento delle condizioni di vita delle persone con disabilità gravissima.

Angelo Achilli di Fand Lombardia ha espresso soddisfazione per l’impegno della regione a evitare le liste di attesa e garantire un adeguato supporto ai cittadini in difficoltà. Valeria Negrini del Forum del Terzo Settore ha sottolineato l’importanza di un percorso comune e condiviso.

## Conclusione

Regione Lombardia continua a mostrare un forte impegno nel supportare le persone con disabilità gravissima e le loro famiglie. Con nuovi fondi e misure prorogate, la regione si prepara a migliorare l’offerta di servizi e a garantire un futuro migliore per i cittadini più vulnerabili.

Le azioni intraprese dimostrano la volontà di lavorare in sinergia con le associazioni e di rispondere in modo efficace alle esigenze di chi necessita di assistenza.

Condividi sui social