schermi touch alla guida

Schermi touch in auto fuorilegge ? Si discute sulla sicurezza

Potremmo presto dire addio a questi giganteschi schermi che stanno comparendo in auto

Schermi touch alla guida ? Da qualche tempo il quadro strumenti e la plancia delle auto stanno trovando sempre più spazio per display grandi di ogni forma, utili per mostrare informazioni in modo più pratico (grazie alla superficie modellabile tramite software, senza dover avere delle lancette fisse da dover gestire). Il problema di questi schermi però, è che come tutto il resto della tecnologia, iniziano a prendere sempre più piede in termini di spazio.

LA SICUREZZA ALLA GUIDA

Nel tempo le auto si sono evolute sempre in meglio, ma ad oggi lo strumento dei grandi schermi sembra aprire un giustificato dibattito. Fino a qualche anno fa, le vetture avevano ancora le manopole, le quali facilmente ed intuitivamente erano percepibili dalle mani, senza distogliere lo sguardo dalla strada. Purtroppo con gli schermi touch, la percezione al tatto scompare e conseguentemente portando lo sguardo su di esso, ne consegue una distrazione rispetto alla strada. Gli schermi touch alla guida, risultano probabilmente pericolosi.

La distrazione del conducente è la principale fonte di incidenti: non è la guida veloce. Sono assolutamente convinto che questo schermi, in 10 anni, non ci saranno più. Probabilmente l’ente regolatore non lo permetterà.

L’idea di Zipse di Bmw

L’idea di Zipse non è una semplice frase di circostanza: con Neue Klasse, BMW vuole proporre una nuova tecnologia display che, come quella già usata, permetterà di avere informazioni a schermo senza distogliere lo sguardo dalla guida.

“Se devi guardare in basso per guidare la tua auto, c’è un grande problema. Quando integriamo la tecnologia nelle nostre auto, pensiamo all’esperienza del cliente che crea e al problema che vogliamo risolvere.”

 

E’ la prima volta che leggi Il Quotidiano d’Italia ?

Siamo un giornale online che, sinteticamente e senza troppi fronzoli, desidera spiegare la realtà dei fatti.

Se ti fosse piaciuto l’articolo, sopra trovi le funzioni per la condivisione

Per info ed articoli contatta me o la redazione : Fabio Sanfilippo

Puoi seguirmi su FacebookInstagramTwitterSitoPagina

Condividi sui social