Orvieto: misura cautelare per straniero

Genova, 6 anni, massacrato di botte

Genova, 6 anni, massacrato di botte da nonni, così sembrerebbe

Genova, episodio avvenuto la  mattina del 19 dicembre, in cui il bambino è stato trovato ferito:

era stato lasciato in custodia alla nonna e al suo compagno.

AGI; l bambino era stato raccolto dal compagno della nonna e portato in auto sul posto di lavoro del padre.

Trovato ad almeno 2 chilometri di distanza dal luogo del ritrovamento:

l’uomo parlò di un investimento da parte di un’auto pirata, ma le telecamere della zona non avevano rilevato il passaggio di mezzi.

Il piccolo aveva riportato fratture a otto vertebre e a un bracciolesioni alla milza e aveva un polmone collassato.

Compagno e nonna iscritti nel registro degli indagati per lesioni gravissime.

Episodi gravi che non hanno nessuna spiegazione logica, e avvengono nelle famiglie.

In Italia, il fenomeno delle violenze familiari è stato oggetto di preoccupazione da parte delle autorità e di organizzazioni che si occupano della tutela dei minori.

Notevoli gli, negli ultimi anni, per combattere tali violenze, migliorare la protezione dei minori e fornire supporto alle vittime.

Alcune organizzazioni italiane offrono i dati e informazioni aggiornate sulle violenze familiari, inclusi i dati specifici sui bambini, ne citiamo alcune:

  • Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: È l’ente governativo responsabile delle politiche sociali in Italia e potrebbe avere dati e informazioni sulle violenze familiari.
  • Telefono Azzurro: È un’organizzazione italiana non governativa che si occupa della protezione dei minori.
  • Offre servizi di supporto, consulenza e prevenzione degli abusi sui minori e potrebbe avere dati aggiornati sul tema.
  • Istituto degli Innocenti:
  • È un’istituzione pubblica italiana che si occupa della tutela dei minori e potrebbe avere dati e informazioni sulle violenze familiari.

L’Istituto degli Innocdenti:

Dal 1600: una nuova attenzione alle madri e alla salute dei bambini

Tra il 1600 e il 1700 l’Istituto iniziò ad accogliere le madri nubili tra le nutrici interne, le addette cioè a prestare le prime cure ai neonati

E avviando così una prassi assistenziale anche nei confronti delle donne.

Negli anni successivi queste iniziarono a ricevere un sussidio, un aiuto per costruirsi una vita anche fuori dall’Istituto.

L’Istituto si apre a nuove realtà sul territorio, collabora con Governo, istituzioni internazionali, enti e associazioni che sostengono bambini, ragazzi e famiglie.

Nel 2004 l’Istituto viene trasformato in Azienda di servizi alla persona.

Uno degli ultimi episodi che ha colpito l’opinione pubblica:

Brescia, abusi su bambina, scene riprese dalle telecamere nascoste, intervengono i Carabinieri.

L’assistente avrebbe commesso ripetute violenze fisiche, almeno questo sembrerebbe emergere dalle indagini in corso .

Nei video infatti si vedono schiaffi, tirate per i capelli e pizzicotti. I carabinieri sono quindi intervenuti immediatamente a scuola.

messaggio promozionale pubblicitario per chi vuole risparmiare sulle vacanze e magari crearsi un’opportunità lavorativa.

 

https://tiportoinviaggio.com/vacanzelowcost

clicca sul link e poi su whatsapp per info: risparmio sulle strutture, anche del 50%, https://tiportoinviaggio.com/vacanzelowcost
Condividi sui social