Uomo accoltella vicino dopo diverbio sui cani: arrestato per tentato omicidio

Una lite scaturita da disturbi causati dai cani del vicino ha portato a un violento accoltellamento.

Un uomo di 60 anni, noto alle autorità per una serie di precedenti, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio a seguito dell’attacco avvenuto in un condominio nella città di Monza e Brianza.

L’aggressore aveva già un lungo elenco di precedenti penali, tra cui spaccio di droga, furto, rapina, minacce e possesso di oggetti pericolosi.

Era solito creare disturbo all’interno del condominio e spesso, sotto l’effetto dell’alcol, coinvolgeva i condomini in discussioni violente, culminate spesso con minacce di morte.

Il giorno di Ferragosto, due pattuglie della polizia sono intervenute nel cortile del condominio dove hanno trovato un giovane con una maglietta sporca di sangue all’addome.

L’uomo ha consegnato loro un coltello e ha riferito che conosceva l’aggressore, il quale si era appena allontanato.

Dopo una ricerca, l’aggressore è stato individuato nei dintorni:
cercava di nascondere un altro coltello da cucina lungo 35 centimetri sotto un materasso abbandonato.

Dopo essere stato bloccato dalla polizia, l’aggressore ha ammesso di aver ferito il giovane durante un diverbio avvenuto sul pianerottolo del condominio.

Il motivo dello scontro era legato ai cani del ferito. Il giovane è stato successivamente trasportato all’ospedale San Gerardo.

le sue condizioni non sono risultate gravi e gli è stata assegnata una prognosi di dieci giorni.

Il 60enne, oltre agli episodi di disturbo, aveva già causato danni incendiando un appartamento del condominio in stato di ubriachezza.

Era sotto l’affidamento in prova ai servizi sociali, ma l’arresto ha portato alla revoca di questa misura. Il caso è stato segnalato anche al Tribunale di Sorveglianza di Milano.

L’episodio sottolinea l’importanza di gestire le controversie in modo pacifico e di risolvere i conflitti in maniera responsabile

Evitando l’escalation di violenza che può portare a conseguenze tragiche.

Condividi sui social