280 mila euro nascosti nel TIR a Preganziol

280 mila euro nascosti nel TIR a Preganziol

La Guardia di Finanza del Comando provinciale di Treviso ha fermato un TIR al casello di Preganziol e ha trovato 280 mila euro nascosti nella motrice

La Guardia di Finanza del Comando provinciale di Treviso ha fermato un TIR al casello di Preganziol e ha trovato 280 mila euro nascosti nella motrice

280 mila euro nascosti nel TIR

Le  fiamme gialle hanno denunciato per ricettazione l’autotrasportatore fermato al casello di Preganziol che aveva 280 mila euro nascosti nella motrice del TIR.

Una pattuglia operativa del Gruppo di Treviso, coadiuvata dall’unità cinofila “Escor” ha fermato per un normale controllo un autoarticolato appartenente ad un’impresa di trasporti sarda.

I militari stavano controllando il carico, ma il cane antidroga sembrava essere attratto in modo particolare dalla motrice e la indicava ripetutamente al suo conduttore.

Così i finanzieri hanno deciso di perquisire anche la cabina di guida e hanno trovato dei sacchetti di plastica nascosti sotto il letto dell’autista.

L’ingente somma in denaro contante era dentro i sacchetti di cellophane.

L’autista dell’autoarticolato si è subito giustificato raccontando una storia inverosimile.

Ha raccontato di aver trovato casualmente a terra, il giorno prima, una busta chiusa, ma di non averla nemmeno aperta.

Di conseguenza ha detto di non avere la minima idea del contenuto e che si era reso conto del prezioso contenuto solo dopo la perquisizione.

Comunque le fiamme gialle hanno sequestrato il denaro trovato hanno denunciato l’autista alla Procura della Repubblica di Treviso per ricettazione. 

Successivamente il  Giudice per le Indagini Preliminari ha convalidato il sequestro perché  sussisterebbe il pericolo che la somma potesse essere dispersa o utilizzata per commettere altri reati.

importanti somme di denaro

Il ritrovamento di importanti somme di denaro a bordo dei veicoli sottoposti a controllo non è una novità per le pattuglie del Gruppo di Treviso.

Soltanto nei primi mesi del 2023, al casello autostradale di Venezia Est, hanno fermato quattro diversi stranieri, provenienti dal confine italo-sloveno, con contanti per complessivi 46 mila euro. 

I militari, come previsto dalla normativa sul monitoraggio dei flussi valutari, hanno sanzionato i quattro stranieri.

Le sanzioni sono previste nei casi in cui le somme in contante trasportate oltre confine siano di importo pari o superiore a 10.000 euro. 

Dal casello di Venezia Est passano ogni anno oltre 3,5 milioni di veicoli, in buona parte provenienti dalla cosiddetta “Rotta  Balcanica”

Un bambino di quattro anni morto annegato nel fiume Adigetto
La maxi frode delle pompe bianche
Antibracconaggio dei carabinieri forestali
Scontro frontale a Torviscosa in provincia di Udine
La presunta frode del finto vino DOP e IGP
Il falso professore di Padova
Un’auto è finita nel laghetto e l’autista è morto
Incidenti stradali in Veneto
Treni deragliati in Svizzera
Una valanga ha travolto sette scialpinisti al passo Resia
Vinitaly da record a Verona
Condividi sui social