Graziano Scardino presidente Cia Sicilia

Scardino Presidente Cia Sicilia : “colture compromesse dal maltempo”

Graziano Scardino Presidente Cia Sicilia, scrive all’Assessore Sammartino: “il maltempo sta compromettendo il raccolto delle colture primaverili-estive, attivare tutte le misure legislative ed i fondi per il ristoro dei danni”

Sicilia 22 maggio 2023, il Presidente Cia Sicilia Graziano Scardino ha inviato una comunicazione all’Assessore regionale all’Agricoltura Luca Sammartino, in cui evidenzia la grave situazione in cui versano tantissime aziende agricole della nostra regione. 

“Il ciclone afro-mediterraneo “NINO” – sottolinea Scardino – ha provocato danni strutturali ed infrastrutturali, oltre a danni alle produzioni”.

“Il vento molto forte che ha superato anche i cento km orari ha provocato e sta provocando ingenti danni strutturali ed infrastrutturali alle imprese agricole isolane”.

“Dare disposizioni alle strutture periferiche dell’assessorato regionale dell’Agricoltura per fare una ricognizione immediata e puntuale dei danni effettivi subiti dalle imprese e attivare tutte le misure legislative ed i fondi per il ristoro dei danni, provenienti dalle nuove misure della Gestione del Rischio in agricoltura o dalla protezione civile”.

“Le abbondanti piogge un’importante problema – aggiunge Scardino – stanno compromettendo il raccolto delle colture primaverili-estive”.

“In particolare, si registrano danni alle serre dove sono state danneggiate l’attività orticola e florovivaistica isolana; compromessa anche la produzione della frutta estiva a causa della perdurante pioggia ed eccesso di umidità; forti danni si registrano anche alle colture erbacee, infatti si è persa la totalità delle colture foraggere in fase di fienagione, sono compromesse le colture non ancora mietute ed il grano”.

“Come si evince tutta l’attività agricola isolana è interessata da danni causati dal forte maltempo. La CIA, con i propri uffici – conclude Scardino- sta effettuando la ricognizione dei danni nei vari territori ed è disponibile a dare il proprio contributo affinché si possano determinare tutti i danni sia alle strutture che alle produzioni”. 

Condividi sui social